...

“Un percorso per stabilizzare il personale precario e prorogare i contratti in scadenza, il collegamento del nuovo Sismabonus con il contributo alla riparazione delle case lesionate, la revisione dei compensi ai professionisti che assumono maggiori responsabilità, la proroga dello stato di emergenza, risorse certe per sostenere lo sviluppo, poteri veramente straordinari per il Commissario anche se limitati alle opere più complesse, sono misure indispensabili per far decollare la ricostruzione dopo il terremoto del 2016."


...

  Nel  fermano sono 16  quelli  ricompresi e il finanziamento servirà a sistemare,dissesti, aprire Musei, mettere in sicurezza strutture e tratti di strada, realizzare centri di protezione civile,  sistemare danni ai cimiteri, intervenire sul miglioramento sismico di edifici e persino realizzare una stazione di carburante. I lavori dei progetti presentati dovranno iniziare entro 1 anno dall'ordinanza.










...

I ritardi nei pagamenti per lavori già effettuati nelle zone colpite dal sisma sono inaccettabili. Con queste tempistiche le piccole imprese o falliscono oppure rinunciano ai lavori. Sono molte le segnalazioni su anomalie e ritardi in particolare da parte dell'USR (Ufficio Speciale Ricostruzione) nei tempi di pagamento. Occorrono tempi certi per le imprese edili” ; cosi' il consigliere regionale Mirco Carloni (Lega) annuncia la presentazione di una interrogazione che verrà discussa in consiglio regionale nelle prossime settimane



...

“Voglio tornare a rassicurare i cittadini terremotati che non hanno ancora presentato la richiesta di contributo attraverso i loro professionisti di fiducia. Per i danni lievi potranno farlo fino al 30 giugno 2020 grazie al DL 123 convertito in legge 156 del 12 dicembre 2019 (https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2019/12/23/19A07982/sg)Con ordinanza commissariale abbiamo previsto che la scadenza per la presentazione delle richieste per i danni gravi slitti fino al 31 dicembre 2020”.