x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
articolo

Pedaso, incidente mortale: i dettagli della tragedia

2' di lettura
2160

di Luigi De Signoribus

fermo@vivere.it


A distanza di pochi giorni si comincia a ricostruire la dinamica dell’infausto incidente che ha portato alla morte una persona nel piccolo borgo pedasino.

La vittima: Giampiero Larivera, 54 anni, residente a Pedaso. L’automobilista: Silvano Asuni, amico e coetaneo della vittima, anche lui originario di Pedaso, ma residente a Monterubbiano. Coinvolta anche una terza persona, un ragazzo di 24 anni, originario di Campofilone, rimasto gravemente ferito e ora ricoverato presso l’ospedale di Ancona.

La dinamica. Notte tra venerdì 17 e sabato 18 maggio, ore 01:30 circa. Un gruppo di cinquantenni, usciti da un noto ristorante del posto, dopo una cena trascorsa insieme, si dirige verso un bar di una via centrale di Pedaso, dove si imbatte in un gruppo di ragazzi ventenni. L'incontro sembra essere presto degenerato in uno scontro verbale che ha portato Larivera, Asuni e un terzo uomo a salire in macchina e ad allontanarsi in direzione via Garibaldi. Qui, l'auto viene raggiunta da alcuni ragazzi che la assaltano e i tre nel veicolo, allora, scendono.

In quel breve lasso di tempo, a detta di un testimone che vive nei pressi della via e che al momento della tragedia era ancora sveglio, si odono schiamazzi e una macchina che sfreccia a velocità sostenuta. Dalla concitazione e dal caos generato da quell'alterco, infatti, si desume che Asuni sarebbe risalito di nuovo in macchina e, prima, avrebbe investito per errore l'amico Larivera, uccidendolo sul colpo, poi avrebbe colpito, sempre con la propria auto, il ragazzo, ferendolo gravemente. Rimane il fatto che Asuni si allontanerà dal luogo dell'accaduto per essere, di lì a poco, rintracciato dai carabinieri, i quali ordineranno per lui lo stato di fermo.

Attualmente Asuni si trova agli arresti domiciliari. Al vaglio dei carabinieri e degli inquirenti della Procura di Fermo, che hanno disposto l'interrogatorio di garanzia allo stesso Asuni, vi sono ora ulteriori accertamenti.



Questo è un articolo pubblicato il 20-05-2024 alle 10:34 sul giornale del 21 maggio 2024 - 2160 letture






qrcode