x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPETTACOLI
comunicato stampa

Montegranaro: De Rossi, Colombari, Silvestri, Ferrara, Fondi e Milicchio protagoniste di “Fiori d’acciaio”

1' di lettura
220

da Amat Marche
www.amatmarche.net


Sei bravissime attrici – Barbara De Rossi, Martina Colombari, Gabriella Silvestri, Alessandra Ferrara, Cristina Fondi e Caterina Milicchio – sono protagoniste di “Fiori d’acciaio”, commedia di Robert Harling che va in scena, con la regia di Michela Andreozzi e Massimiliano Vado, sabato 27 aprile al Teatro la Perla di Montegranaro nella stagione in abbonamento proposta da Comune e AMAT con il contributo di MiC e Regione Marche.

«Fiori d’acciaio, nella sua versione cinematografica — scrive la regista Michela Andreozzi nelle note di presentazione — è uno dei romanzi di formazione che hanno accompagnato la mia prima giovinezza. Più della letteratura, o forse in modo più efficace, il cinema mi ha insegnato gli infiniti modi di affrontare la vita e Fiori d’acciaio mi ha spiegato la famosa solidarietà femminile. Che, tradotto in azione, significa conservare la propria identità, ritagliarsi un ruolo nel mondo, costruirsi uno spazio, intessere delle relazioni o alimentare dei conflitti e, malgrado tutto, essere capaci di unirsi. Fiori d’acciaio è l’occasione di costruire, una banda di soliste in grado di suonare insieme ma di battere in volata quando serve; disegnare personaggi anche estremi ma capaci di ascoltarsi, o di imparare ad accogliersi senza snaturarsi. E poi c’è l’affetto. Se c’è una cosa che le donne sanno fare, è essere terribili, spietate e capaci di affrontarsi, insomma, dei fiori di acciaio, senza mai smettere di amare». Lo spettacolo è prodotto da Francesco Bellomo per Virginy L’Isola Trovata.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-04-2024 alle 19:22 sul giornale del 24 aprile 2024 - 220 letture






qrcode