x

SEI IN > VIVERE FERMO >
comunicato stampa

Porto Sant'Elpidio: inaugurata la mostra "Raccontami com’era il calcio – Un secolo d’azzurro”

2' di lettura
342

dal Comune di Porto Sant'Elpidio


È stata inaugurata stamattina a Porto Sant’Elpidio la mostra “Raccontami com’era il calcio – Un secolo d’azzurro”, raccolta di maglie, palloni e cimeli della Nazionale azzurra di calcio dalla fine dell’800 ad oggi.

Ad ospitarla il Polo culturale Beniamino Gigli. L’esposizione sarà aperta gratuitamente al pubblico fino al 1 maggio, tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.30. L’Amministrazione comunale ha voluto fortemente accogliere l’iniziativa promossa dall’Ada, Associazione diritti per gli anziani e dalla curatrice Sabrina Trombetti. “La Nazionale di calcio sa sempre superare le divisioni di questo Paese e suscita grandi emozioni – le parole del sindaco Massimiliano Ciarpella – Abbiamo avuto richieste da scuole calcio e rappresentative scolastiche di venire a visitare questa mostra, è davvero emozionante ammirare questi pezzi speciali, che raccontano una grande storia. L’esposizione ha toccato diverse città e sono sicuro che riscuoterà grandissimo successo nella nostra città, in un periodo particolarmente ricco di attrazioni per Porto Sant’Elpidio”. Si possono ammirare le prime maglie indossate dalla Nazionale nel 1910, le divise della squadra due volte campione del mondo nel 1934 e 1938, e ancora le casacche, le scarpe o i guanti di giocatori iconici, da Dino Zoff a Gianluigi Buffon, da Francesco Totti ai Mondiali vinti nel 2006, a quelle dell’Italia campione d’Europa a Wembley nel 2021, fino ai guanti di Gigi Donnarumma del 2023 che danno appuntamento ai prossimi Europei in programma a giugno. Ci sono anche alcuni pezzi della collezione privata di Nazzareno Romagnoli ad arricchire l’esposizione. E ancora, palloni ad attraversare diverse epoche, prime pagine di quotidiani e riviste che hanno narrato alcune delle imprese più gloriose degli Azzurri. “Il calcio ha contribuito alla crescita del nostro Paese – le parole dell’assessore allo sport Enzo Farina – Lo sport è anche educazione e nel caso del calcio ha saputo unire tutti noi”. Patrocina l’evento anche il Consiglio regionale delle Marche e il consigliere Andrea Putzu elogia “un’iniziativa in un circuito nazionale in cui Porto Sant’Elpidio e le Marche si inseriscono, ringrazio questa realtà di aver scelto la città per un appuntamento imperdibile”. Sabrina Trombetti esprime “soddisfazione per essere in una realtà sinonimo di eccellenza calzaturiera come Porto Sant’Elpidio – Ringrazio l’associazione Ada per averci supportato, qui cme in altre città”. Presenti anche Graziano Ferretti, presidente dell’Associazione diritti degli anziani, Nazzareno Romagnoli, che ha donato alcuni pezzi e Fabio Moro, figlio di Bepi Moro, portiere di Serie A e della Nazionale che concluse la sua carriera a Porto Sant’Elpidio per poi rimanere a vivere in città.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-04-2024 alle 20:41 sul giornale del 23 aprile 2024 - 342 letture






qrcode