x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'

Coldiretti Marche lancia le agriscampagnate: per i ponti primaverili pic nic a km zero e di qualità

2' di lettura
130
da Coldiretti Marche
www.marche.coldiretti.it

La fava, il pecorino, la carne da grigliare, il pane e il vino o la birra agricola. Sono questi alcuni dei più gettonati cibi delle gite fuori porta, le tradizionali escursioni di un giorno tipiche della primavera e del periodo dei Ponti tra 25 Aprile e Primo Maggio. Dai mercati di Campagna Amica le proposte degli agricoltori non mancano tra cestini, kit per il pic nic contadino e i migliori tagli di carne di barbecue. Tutti prodotti della tradizione che rispettano il chilometro zero e la stagionalità.

Appuntamento dunque sabato 20 aprile nei mercati coperti di Ancona e di Macerata, domenica 21 al mercato di Campagna Amica allestito a Porto San Giorgio in occasione della Fiera di San Giorgio e sabato 27 aprile al mercato coperto di Pesaro.

Sono le agriscampagnate. Grazie agli agricoltori si potranno allestire cestini con vino locale, pane casereccio, salumi della tradizione, formaggi, sottolio, confetture e tanti altri prodotti, oppure scoprire i tagli perfetti per un’ottima grigliata. Per chi si concederà tempo all'aria aperta rispondono presente anche i 1.130 agriturismi regionali tra pasti completi al tavolo o al sacco, degustazione, spazi verdi, aree gioco e tante attività come equitazione, escursionismo, mountain bike, fattorie didattiche, sport, eccetera. La fava fresca in questi giorni è la grande protagonista tra i banchi dei mercati contadini. Nelle Marche se ne producono, secondo gli ultimi dati Istat, circa 5mila quintali. Se guardiamo ai formaggi la produzione regionale è aumentata del 38% negli ultimi 10 anni e oggi sono molto apprezzati anche all’estero, circa 18 milioni di export, soprattutto in Francia, Stati Uniti e Germania (dati Coldiretti/Ismea), mentre tra bistecche bovine, carne di agnello o di maiale le Marche la produzione vale oltre 200 milioni di euro, un valore cresciuto del 15% negli ultimi 10 anni. Secondo il report Ismea Qualivita, se guardiamo alla carne certificata, siamo la terza regione d’Italia al pari dell’Umbria e dietro solo a Sardegna e Toscana.



Questo è un articolo pubblicato il 19-04-2024 alle 19:47 sul giornale del 20 aprile 2024 - 130 letture






qrcode