x

SEI IN > VIVERE FERMO > CRONACA
articolo

Da Montegorgio a Pesaro Capitale italiana della Cultura: la Mostra dello scultore Ugo Riva in memoria di Rosy Medri

3' di lettura
236

di Marina Vita
fermo@vivere.it


“ L’Associazione “Grande Anima” espressione del territorio di Montegiorgio è orgogliosa di portare la propria esperienza di volontariato, fatta di attenzione alla fragilità umana, di condivisione e di promozione culturale fino al prestigioso contesto delle manifestazioni pesaresi"- commenta il Presidente Palmieri. La Mostra resterà aperta dal 6 aprile al 23 giugno.

L’Associazione Grande Anima di Montegiorgio espone le sculture di Ugo Riva a Pesaro Capitale Italiana della Cultura.
Si tratta di grande evento carico di significati emotivi che l’Associazione, nata in memoria della scomparsa Dottoressa Rosy Medri e presieduta dal marito Valerio Palmieri insieme alla figlia Annalisa, ha voluto organizzare in onore della compianta consorte che a Pesaro ha vissuto con la famiglia di origine la sua giovinezza fino alla laurea in medicina, prima di diventare amata e stimata cittadina di Montegiorgio.
La mostra “9 sculture per una Grande Anima”, promossa dall’Arcidiocesi di Pesaro e organizzata dall’Associazione Grande Anima, con la collaborazione dell’Ufficio Beni culturali della stessa Arcidiocesi, sarà inaugurata sabato 6 aprile, alle ore 16.00 presso la Chiesa del Nome di Dio in via Petrucci 23, alla presenza di S.E.R. Mons. Sandro Salvucci, Arcivescovo di Pesaro.
Dopo l’edizione del 2022, nella Casa Museo “Osvaldo Licini” a Monte Vidon Corrado, la mostra viene dunque proposta a Pesaro in un suggestivo allestimento che vuol essere occasione di incontro e di scoperta culturale, e si arricchisce di alcune opere nuove che l’artista Ugo Riva ha voluto collocare nel Museo diocesano, in un dialogo continuo tra il patrimonio culturale che la Chiesa locale custodisce e i linguaggi dell’arte contemporanea.
Tutte le opere esposte sono nate da un dialogo interiore instauratosi tra il Maestro Ugo Riva e Rosy Medri, da lui conosciuta attraverso i racconti di quanti l’hanno amata e con la partecipazione alle iniziative dell’Associazione nata in suo nome.
Il percorso espositivo si dispiega in un allestimento suggestivo che invita al dialogo con le antiche vestigia architettoniche del Museo e con la rilevante collezione d’arte antica e moderna. Si tratta di una feconda contaminazione che manifesta come la Via della bellezza, offra l’occasione di un cammino spirituale che conduce alla scoperta del divino nelle profondità dell’umano.
Ugo Riva è considerato tra i più grandi maestri della scultura italiana contemporanea, interprete visionario di una sensibilità artistica che ha profonde radici nell’Antico. Il suo linguaggio artistico, unisce la forma materiale all’uso del linguaggio simbolico, sottolineando la complessità degli stati d’animo e facendosi interprete del nostro tempo.
“ L’Associazione “Grande Anima” espressione del territorio di Montegiorgio è orgogliosa di portare la propria esperienza di volontariato, fatta di attenzione alla fragilità umana, di condivisione e di promozione culturale fino al prestigioso contesto delle manifestazioni pesaresi- commenta il Presidente Palmieri- L’esposizione che si avvale di un pregevole catalogo delle opere, è patrocinata dalla Regione Marche, dalla Provincia di Pesaro e Urbino e dal Comune di Pesaro all’interno delle manifestazioni culturali di Pesaro 2024, Capitale Italiana della Cultura.
La Mostra resterà aperta dal 6 aprile al 23 giugno. Ad Aprile e Maggio sarà visitabile dal venerdì alla domenica dalle 15,30 alle 18,30. Nel mese di giugno da giovedì a domenica con orario 10-13 e 16-19. E nella 3° domenica del mese dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 15,30 alle 18,30.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.


Questo è un articolo pubblicato il 03-04-2024 alle 16:38 sul giornale del 04 aprile 2024 - 236 letture






qrcode