x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPETTACOLI
articolo

Altidona: alla Malibran in scena il recital di Elena Nefedova

2' di lettura
296

di Luigi De Signoribus

fermo@vivere.it


Terzo appuntamento della rinnovata stagione concertistica promossa dall'accademia altidonese. Protagonista del recital fissato per Sabato 6 Aprile 2024 ore 21.15 in Sala Colonna è la pianista Elena Nefedova.

Classe 1990, di origine moscovita, Elena Nefedova ha iniziato lo studio del pianoforte all'età di cinque anni e ha continuato la sua formazione presso prestigiose istituzioni musicali russe. Nel 2011, si trasferisce a Roma, proseguendo i suoi studi presso il conservatorio Santa Cecilia, dove si è diplomata brillantemente nel 2015. Nel corso degli anni, ha ottenuto numerosi riconoscimenti e premi in importanti concorsi pianistici nazionali e internazionali, consolidando la sua reputazione come una delle pianiste più talentuose della sua generazione, tanto che, nel 2019, è stata selezionata dal famoso pianista e direttore d'orchestra ungherese András Schiff per il suo Building Bridges, un progetto che promuove e sostiene i giovani musicisti attraverso una serie di concerti in tutta Europa. Oltre alla sua intensa attività concertistica, Elena Nefedova è anche impegnata nell'insegnamento del pianoforte ed attualmente collabora con l'Accademia Eretina di Monterotondo, in provincia di Roma.

Artista di straordinario talento, con una tecnica impeccabile ed un'espressività coinvolgente, la pianista russa, per il concerto alla Malibran, suonerà musiche di Bach, Rachmaninov, Schumann e Liszt, proponendo un programma molto intenso e carico di pathos. “Il suo talento e la sua passione per la musica ci regaleranno un concerto indimenticabile. - le parole della direttrice artistica dell'accademia altidonese Rossella Marcantoni - Non vediamo l'ora di poterla applaudire. Sarà senza dubbio un evento da non perdere e siamo entusiasti di poterla ascoltare dal vivo e di lasciarci incantare dalla sua straordinaria bravura”. Al termine del concerto verrà offerto un brindisi in onore della musica con i vini prodotti dalla stessa accademia, Cantatrice e Guarracino, accompagnati dai gustosi Amaretti della Valdaso.





Questo è un articolo pubblicato il 02-04-2024 alle 16:35 sul giornale del 03 aprile 2024 - 296 letture






qrcode