x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPORT
articolo

La Fermana resuscita battendo il Rimini 3-2 e torna a sperare

6' di lettura
1246

di Paolo Bartolomei
fermo@vivere.it


FERMO - Doppietta di Sorrentino e gol di Giandonato, i gialloblù agganciano l'Olbia momentaneamente (ha due partite in meno) al penultimo posto, salgono a -9 dalla quintultima e possono ancora sperare quando tutto sembrava perduto.

La Fermana non si dà per vinta, dopo la sconfitta di Arezzo sembrava finita, invece contro il Rimini, robusta avversaria di centroclassifica che punta ai playoff, sfodera una gran prestazione, forse la migliore del campionato, e soprattutto sigla per la seconda volta tre gol nella stessa partita in questo torneo 2023-24 (prima volta in casa).
Per Sorrentino quattro centri personali con la Fermana dopo quelli contro Olbia e Ancona e ottavo stagionale compresi quelli siglati con la casacca del Giugliano. Giandonato è al suo secondo centro in torneo dopo quello, decisivo, contro la Juve NG a dicembre.
Nel successo c'è anche un po' del nuovo allenatore Mosconi (per lui prima vittoria dopo due pari e una sconfitta) che ha fatto scelte tattiche azzeccate e le sostituzioni giuste al momento giusto (due prima degli avversari). Proprio da una di queste (ingresso di Giovinco) è giunto il 3-2 decisivo. Il nuovo allenatore sembra aver creato quel clima e quella coesione di gruppo che servivano.
I gialloblù tornano a vincere dopo dieci partite (ultima a Recanati 1-3, ultima in casa a dicembre 2-1 contro la Juve NG).
Per compiere il miracolo e agganciare i playout salvezza la Fermana dovrebbe vincere altre tre partite (a cominciare dalla prossima, domenica 7 aprile a Sassari contro la Torres) e pareggiare la quarta, ce la farà? Oppure ormai è troppo tardi e questa vittoria serve solo per ritardare la retrocessione matematica? La squadra vista stasera sembra in piena salute, atletica, mentale e tattica, pur con i limiti di sempre, ma abbiamo visto un buon Paponi, un ottimo Giovinco, un Giandonato tornato a fare la differenza e soprattutto un grande Sorrentino con cui la Fermana finalmente finalizza in rete; poi consideriamo che devono rientrare due giocatori molto forti come Eleuteri e Spedalieri (quest'ultimo ha rifatto capolino stasera nel finale), nonché uno che “fa legna” come Fontana, sempre utile. Insomma, il finale di campionato è tutto da (ri)scrivere, alla faccia dei tanti che hanno fatto il possibile per affondare anticipatamente la Fermana.

34° giornata di serie C, nell'anticipo serale del Giovedì Santo mister Mosconi recupera Giandonato dopo otto partite fuori per infortunio (le ultime quattro è andato egualmente in panchina per incitare da vicino i suoi compagni) e riesuma Paponi dopo due giornate di squalifica. A centrocampo esce Malaccari, Niang si sposta sull'out destro, mentre in attacco turno di riposo a Giovinco che parte dalla panchina.

CRONACA
Dopo un palo colpito dal Rimini con Malagrida, Sorrentino al 10' sblocca il risultato con un bellissimo gol. Lanciato perfettamente da Petrungaro sul filo del fuorigioco, parte bruciando tutti i difensori e davanti a Colombo devia in scivolata in rete: 1-0 (immagine in basso).
Il vantaggio dura solo 5', il Rimini pareggia sugli sviluppi di un calcio di punizione con un bel colpo di testa del difensore Gigli (4° centro stagionale per lui) che spiove preciso nel sette opposto con Borghetto incerto che tenta l'uscita poi torna indietro. Una decina di minuti e la Fermana subisce un altro gol sempre da palla inattiva, Garetto (appena entrato al posto di Langella infortunato) si inserisce in una difesa immobile, devia di piatto un corner e sigla il suo terzo gol stagionale, 1-2 e risultato ribaltato.
Dopo il possibile 1-3 per il Rimini (Borghetto si oppone bene alla staffilata da fuori di Morra) al 40' la Fermana ritrova il pareggio ed è finalmente Giandonato, che non giocava da quasi due mesi (8 partite di stop, l'ultima giocata contro Vis Pesaro) e soprattutto non segnava da dicembre (bellissimo gol alla Juve NG). Il capitano mette a segno uno stupendo gol direttamente da punizione dall'out sinistro di attacco della Fermana: la sfera attraversa una selva di gambe ed entra sul primo palo beffando Colombi, forse con qualche deviazione o rimpallo 2-2.

Il secondo tempo si apre con un quasi gol di Paponi che da corner battuto da Giandonato devia bene di testa appostato sul secondo palo, non si capisce bene se al gol si opponga il portiere o un difensore con un braccio. Il Rimini sembra sparire dal campo, il suo primo squillo nella ripresa arriva al 20' con Morra ma Borghetto c'è.
La Fermana ci crede, gioca con la testa libera, Mosconi azzecca le sostituzioni, anche nella tempistica, fuori Paponi e Giandonato, stanchi dopo tante giornate fuori, dentro Gianelli e Giovinco. Proprio dai piedi di quest'ultimo parte l'azione che porta al nuovo vantaggio canarino, con la prima doppietta di Sorrentino che in area piccola devia di testa sul palo opposto il cross del fratello giovane della “formica atomica”: 3-2 e gran festa sotto la Ovest (immagine di copertina).
La reazione del Rimini è velleitaria, anzi è la Fermana che prova a chiuderla in anticipo e ci va vicino con Giovinco, che il gol lo meriterebbe. Dopo un paio di brividi dalle parti di Borghetto e 5' di recupero termina 3-2, la Fermana torna in corsa per la salvezza.
Nel corso della partita striscione polemico dei tifosi nei confronti del sindaco di Fermo Paolo Calcinaro, accusato di interessarsi poco delle questioni societarie della prima rappresentativa sportiva cittadina (foto in basso).

FERMANA (3-5-2): Borghetto; Heinz, Santi, Carosso; Niang (30’ st Spedalieri), Scorza, Giandonato (23’ st Gianelli), Misuraca, Petrungaro (30’ st Pistolesi); Paponi (23’ st Giovinco), Sorrentino. A disp. Furlanetto, Cicero, Fort, Bonfigli, Condello, Marcandella, De Santis, Granatelli, Locanto, Petrelli. All. Andrea Mosconi
RIMINI (4-2-3-1): Colombi; Tofanari, Lepri, Gigli (30’ st Oddi), Quacquarelli; Sala, Langella (20’ pt Garetto); Lamesta, Delcarro (30’ st Cernigoi), Malagrida (30’ st Capanni); Morra (37’ st Ubaldi). A disp. Colombo, De Lucci, Gorelli, Iacoponi, Leoncini, Garetto. All. Emanuele Troise
ARBITRO: Andrea Bordin di Bassano del Grappa (Michele Piatti di Como, Vincenzo Abbinate di Bari; Daniele Aronne di Roma1).
RETI: 10’ pt Sorrentino, 15’ pt Gigli, 27’ pt Garetto, 40’ pt Giandonato, 26’ st Sorrentino
NOTE: ammoniti Niang, Santi, Morra, Scorza, Sorrentino, Garetto, Misuraca; angoli 4-3; recupero 2+5; Spettatori totali 1332 di cui 754 abbonati e 236 ospiti in curva est; incasso totale 8092,78 euro, di cui rateo abbonati 3623,28 euro.

ARTICOLI CORRELATI

https://www.viverefermo.it/2024/03/25/la-fermana-perde-2-0-ad-arezzo-e-attende-la-retrocessione-matematica/246788/

https://www.viverefermo.it/2024/03/18/fermana-il-cuore-non-basta-col-sestri-altro-inutile-1-1/242625/

https://www.viverefermo.it/2024/03/17/fermana-col-sestri-sembra-davvero-lultima-spiaggia/242064/

https://www.viverefermo.it/2024/03/11/fermana-la-vittoria-resta-unillusione-il-pari-1-1-serve-a-poco/238392/

https://www.viverefermo.it/2024/03/10/la-fermana-cerca-di-non-affondare-aggrappandosi-ad-un-mosconi/237826/

https://www.viverefermo.it/2024/03/07/fermana-adesso-lesonero-di-protti-ufficiale/235888/

https://www.viverefermo.it/2024/03/06/ancona-e-arbitro-affondano-la-fermana-nel-derby/235631

https://www.viverefermo.it/2024/03/05/fermana-mister-protti-resta-in-sella-per-conquistare-ancona/234803/

https://www.viverefermo.it/2024/03/03/fermana-lillusione-della-vittoria-sfugge-a-tempo-scaduto-2-2/233942/

https://www.viverefermo.it/2024/02/19/fermana-perfetta-si-accontenta-dell1-1-ma-pu-ancora-sperare/226181/





Questo è un articolo pubblicato il 28-03-2024 alle 23:39 sul giornale del 29 marzo 2024 - 1246 letture


Paolo Bartolomei




qrcode