x

SEI IN > VIVERE FERMO > CRONACA
articolo

L'ultimo vocale di Gionatan ad un suo compagno prima di precipitare dal tetto. Fatto ascoltare dal Padre durante il Funerale che si è celebrato ieri a Grottazzolina.

4' di lettura
16444

di Marina Vita
fermo@vivere.it


Un bagno di folla, un dolore immenso, le parole cristiane del Vescovo Emerito Trasarti alla famiglia, le lacrime dei tanti amici increduli.

Grottazzolina- “ Sto sul tetto per fare una foto alle stelle, sono in pigiama e in ciabatte, piove e si scivola” . Ecco le parole del vocale inviato da Gionatan Vittori alle 3,17 di martedì 19 marzo a un suo compagno di scuola”. La voce del 16enne che ha perso la vita quella notte precipitando per 9 metri dal tetto di casa sua, poi trovato esanime alle 7 di mattino davanti alla porta di casa da un passante, è rimbombata ieri pomeriggio nella Chiesa del SS.Sacramento di Grottazzolina durante la celebrazione del suo funerale.

E’ stato il Padre Fabrizio a decidere di fare ascoltare il messaggio alla immensa folla riunitasi per l’ultimo saluto a un ragazzo da tutti benvoluto e stimato, la cui morte in così tenera età ha scosso tutto il fermano.

“ Buono, dolce, pacato, affettuoso, ironico, molto religioso, ci mancherà tutto di te- ha detto il padre- la tua è’ stata una imprudenza da adolescente e se Dio ha voluto questo è perché eri pronto per il Paradiso- In un primo momento abbiamo temuto potesse trattarsi di un gesto di debolezza, ma come sempre hai pensato a noi e con questo messaggio hai voluto rincuorarci . Un messaggio che spero rincuori anche tutti quelli che ti hanno voluto bene e sanno quanto tu amassi la vita. Ora il tuo saluto consueto “a domani ”è diventato un arrivederci a un domani migliore. Noi pregheremo per te e tu per noi”.
Il rito funebre era previsto per le ore 15,00 , ma già alle 14,30 la Chiesa era stracolma di gente, di ogni età e da ogni dove. C’era posto solo sul sagrato e per strada. Nessuno è voluto mancare . Un lutto corale , un dolore greve che si tagliava a fette. Un paese immobile e straziato, con tutte le saracinesche abbassate. Tantissimi i giovani presenti: tutti i compagni di Liceo Scientifico che Gionatan frequentava, quelli della Yuasa Volley Junior con i quali condivideva questo sport, gli amici grottesi con i quali era cresciuto, quelli dell’Azione Cattolica, quelli con i quali condivideva la passione per il gioco del risico. Gionatan era amico di tutti, presente e attivo in molte associazioni e nella vita di paese. Più di ogni parola a testimoniare il dolore profondo sono state le lacrime di tanti di loro che si stringevano in abbracci sconsolati.
“ Una disgrazia così grande che la mente umana fa fatica ad accettare, perché non è nella natura che un figlio muoia prima di un genitore, ma che può trovare conforto nella fede e nella certezza cristiana di ritrovarsi un giorno insieme” -le parole del Vescovo Emerito Trasatti che ha celebrato la messa funebre circondato da oltre 30 prelati ed ha invitato i giovani ad accettare la propria fragilità e a sapersi prendere cura dei propri genitori.
Toccanti le parole dei fratelli , Giorgio e Gabriele, rotte dalla commozione : “ Col ciuffo rosso e il sorriso sempre in faccia, amavi la vita a tutto tondo . La cameretta e i sogni condivisi, la complicità, quei tuoi abbracci improvvisi solo per dirci che ci volevi bene. Sarà difficile non averti più tra noi. Tienici un posto accanto a te “
La salma di Gionni, come lo chiamavano i più , arrivata mercoledì alle 19,00 nella Chiesa di Grottazzolina, era stata accolta dai compagni di scuola e vegliata per tutta la notte.
Gionatan aveva , tra l’altro, anche la passione per l’astronomia. E pare non fosse la prima volta che saliva sul tetto da quella botola in soffitta per osservare e fotografare il cielo, nonostante i genitori lo ammonissero a non farlo. Stavolta ci era andato per scattare una foto da mettere a corredo di una sua ricerca scolastica. Alle 3,17 il messaggio vocale al suo amico. Secondo i medici legali alle 3,45 l'ora della sua morte.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.




Questo è un articolo pubblicato il 22-03-2024 alle 00:45 sul giornale del 22 marzo 2024 - 16444 letture






qrcode