x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Porto Sant'Elpidio: corso di improvvisazione teatrale al via

2' di lettura
106

dal Comune di Porto Sant'Elpidio


Al via un corso trimestrale di improvvisazione con i professionisti di Vicolo Cechov, Scuola Nazionale di Teatro ed Improvvisazione Teatrale fondata a Roma, che ha diverse sedi in Italia (nel fermano a Montegiorgio), diretta dagli attori ed improvvisatori teatrali Roberto Rotondo e Fabio Astolfi che, in provincia di Fermo ha come principale referente e professionista Laura Marziali (docente, attrice e, tra le altre cose, anche promotrice della legge sul diritto all’oblio oncologico). "Le/I docenti del Vicolo fanno parte dell’AIF, (Associazione Italiana Formatori) riconosciuta dal MISE – spiega la Marziali presentando il progetto creato in collaborazione con l’assessorato alla cultura, su input ed idea della consigliera Gioia Di Ridolfo – e non lavoriamo solo con corsi di improvvisazione come quello che inizierà il 21 marzo alle ore 21 a La Piccola, in Via San Francesco D’Assisi 87 a Porto Sant’Elpidio, dopo una bellissima ed energica lezione di prova di due settimane fa, ma anche su altri contesti, a partire da quelli universitari, fino ad altri come le carceri, le comunità che si occupano di disagio psichico e contesti che vedono problematiche sociali particolarmente impattanti sul singolo e sulla collettività. Con questi presupposti Vicolo Cechov Marche a Porto Sant’Elpidio apre le porte a chiunque, dai 17 anni in su, voglia provare questo particolare linguaggio teatrale dove non esistono scalette, né canovacci, né tracce di alcun genere, ma solo il piacere di mettersi in gioco, divertirsi, emozionarsi, oliare i meccanismi dell’ascolto attivo, del non-giudizio, della responsabilità scenica e dell’esperienza gruppale. Il corso è trimestrale, consiste in 12 lezioni per un massimo di 15 iscritti. Nel presentare questa iniziativa, sia l’assessore alla cultura, Elisa Torresi, sia la consigliera Gioia Di Ridolfo, sia il sindaco Massimiliano Ciarpella, hanno parlato delle finalità formative del corso: "Consente di sviluppare la capacità di lavorare in gruppo, mette in evidenza le soft skills di ognuno e punta anche sulla comunicazione funzionale che può essere utile anche in altri ambiti tant’è vero che, intanto vediamo come andrà questo corso e poi non è escluso che possiamo proseguire, magari coinvolgendo le scuole". Marziali infine puntualizza che non sono gli unici a praticare questo tipo di formazione nel territorio fermano e che il loro approccio all’improvvisazione teatrale sta diventando sempre di più socio-culturale e non soltanto performativo.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-03-2024 alle 18:59 sul giornale del 21 marzo 2024 - 106 letture






qrcode