x

SEI IN > VIVERE FERMO > CRONACA
articolo

Assoluzione piena e inappellabile della Corte dei Conti per la ex amministrazione Barbabella a Torre San Patrizio

2' di lettura
1806

di Marina Vita
fermo@vivere.it


Il Comune condannato a pagare le spese processuali di circa 20.000 euro

Torre san patrizio - La ex giunta comunale Barbabella , il revisore dei conti, il segretario comunale sono stati assolti con formula piena e con sentenza definitiva anche dalla Corte dei Conti d’appello di Roma, che ha anche condannato l’attuale giunta Leoni alle spese processuali per oltre 20.000,00 euro.
La sentenza romana del 5 marzo scorso, definitiva e inappellabile, pone fine ad una vicenda mal vissuta dall’ex Sindaco di Torre San Patrizio Giuseppe Barbabella che si è sentito ingiustamente messo sotto processo e leso nella reputazione. Tanto che, pur essendo sempre stato contrario all’abuso dei mezzi di informazione a scopo pubblicitario, stavolta ci tiene che la cosa si sappia e venga ristabilita la verità.
L’accusa subita era quella di aver proceduto durante il suo mandato amministrativo alla vendita di una quota di società partecipata dall’ente (per obbligo legislativo) sulla base di perizia di stima di uno stimato professionista locale, con procedura di asta pubblica aperta.
“A quattro anni da quella vicenda il Sindaco Leoni, decide di rivalutare la questione incaricando un consulente ed un avvocato ( al costo di più di euro 2.000) contestando non l’operato degli amministratori e dei funzionari, ma la stima fatta dal professionista esterno- racconta Barbabella- Ma nei due gradi di giudizio, fino a sentenza definitiva ed inappellabile, i Giudici contabili hanno sancito che “nessun grave negligenza o leggerezza operativa è ravvisabile nell’affidarsi all’opinione professionale del consulente di fiducia; ed altresì il Comune temporeggiando nell’effettuare la cessione , aveva beneficiato di una distribuzione di utili per € 128.000, e sommando l’importo degli utili con il prezzo di cessione di € 193,812,48 si perveniva ad una somma più elevata € 321.812 rispetto a quella della prima perizia, con un saldo positivo di 58.452”.

Inoltre- conclude l’ex primo cittadino Barbabella- sia in primo che in secondo grado i Giudici pongono l’onere delle spese processuali a carico del Comune di Torre S. Patrizio per un importo complessivo (comprese le spese iniziali ) di oltre 20.000,00 euro, contrariamente alla prassi consolidata di compensare le spese tra i convenuti. Importo sottratto alla Casse comunali. E chi risarcirà ora i cittadini?”.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.


Questo è un articolo pubblicato il 18-03-2024 alle 20:16 sul giornale del 19 marzo 2024 - 1806 letture






qrcode