x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Fiab: fermate il nuovo Codice della Strage

3' di lettura
88

da FIAB Marche


Fine settimana di mobilitazione nazionale contro il nuovo disegno di legge che riduce la sicurezza sulle strade.

FIAB Marche aderisce e chiede ai parlamentari di bocciarla. Il diritto di pedoni e ciclisti di vivere tranquilli e sicuri nelle città non può essere messo in discussione da una norma sbagliata, voluta per inseguire prevalentemente una visibilità mediatica di un solo Ministro della Repubblica. Questa è la contestazione di fondo contro un disegno di legge (DdL C.1435) antistorico, pensato fuori da ogni logica del buon vivere, che sarà sottoposto nei prossimi giorni all’esame delle camere per la sua approvazione definitiva. La FIAB, insieme a molte altre associazioni che difendono l’ambiente, la salute e la vita dei cittadini, si mobilita in tutta Italia, in questo fine settimana, per mandare un messaggio forte ai cittadini ed ai loro eletti: fermate la legge che vuole trasformare il Codice della Strada in un Codice della Strage. Un preciso invito a non votare quel disegno di legge è partita verso tutti i parlamentari marchigiani, della Camera e del Senato, con una dettagliata spiegazione delle ragioni di tale richiesta. Si tratta di non far approvare norme che andrebbero a ridurre la possibilità di introdurre zone pedonali o a traffico limitato, azione invece importante per il miglioramento della salute dei cittadini, o far eliminare con un colpo di spugna alcune forme di ciclabilità nei centri urbani, ottenute dopo anni di discussioni parlamentari, che consentono oggi di diversificare il trasporto riducendo il traffico. Si tratta di varie modifiche sempre e comunque indirizzate ad un antico concetto che le auto e la loro velocità, devono sempre prevalere sulla vita dei cittadini. ---o--- La FIAB costa Macerata-Fermo si è incontrata nei giorni scorsi con le due Assessore alla Transizione Ecologica, di Porto Sant’Elpidio, Marialaura BRACALENTE, e di Civitanova Marche, Roberta BELLETTI, per sollecitare interventi per migliorare la ciclabilità e chiedendo che i due Comuni, uniti, intervengano presso la Regione Marche, affinchè si riesca a sbloccare il cantiere, mai partito a un anno dall’affidamento all’impresa, del ponte ciclopedonale sul Fiume Chienti. Ponte che consentirebbe un'unione pedonale e ciclabile delle due Province di Macerata e Fermo di enorme impulso turistico ma volto anche a non far più rischiare la vita alle persone lungo la statale. L’incontro a Civitanova si è svolto anche con i tecnici comunali ed è stato utile per fare il punto sulla mobilità sostenibile in città e la necessità di garantire la sicurezza di chi usa la bicicletta per spostarsi o andare a scuola. Al Comune di Civitanova si è ricordata l’importanza di dare seguito a quanto previsto nelle Delibere di Giunta n. 98 del 17-03-2022, di approvazione del BiciPlan, e n. 241 del 1-06-2023, di istituzione delle Zone 30, entrambe ancora del tutto inapplicate.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-03-2024 alle 10:58 sul giornale del 10 marzo 2024 - 88 letture






qrcode