x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

La salsiccia del Fermano a Tipicità: richiesta l'iscrizione nell'elenco dei Pat della Regione Marche

3' di lettura
46

di Redazione Vivere Fermo

fermo@vivere.it


E’ stata inoltrata dal Delegato Marche di ONAS alla Regione Marche la documentazione per la richiesta di inserimento del prodotto di salumeria storica, denominato “LA SALSICCIA DEL FERMANO”, nell’elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali PAT della Regione Marche, con le note attestanti la storicità di questo prodotto confezionato nel territorio del Fermano da generazioni.

Purtroppo a partire dagli anni 1970 si è persa gradualmente la tradizione di allevare e\o di effettuare la lavorazione del maiale in famiglia per la tradizionale “pista e salata”, che rappresentava un rito ed una festa annuale. Nel territorio di Fermano fortunatamente la tradizione non è del tutto scomparsa e ci sono ancora delle attività che ancora confezionano LA SALSICCIA DEL FERMANO. Un salume di grande valore anche tradizionale, come evidenziato nella documentazione storica presentata da ONAS, che le amministrazioni del Fermano intendono promuovere e valorizzare. ONAS rivolge un ringraziamento particolare al Sindaco Paolo Calcinaro e all’Ass.re Cerretani per il Comune di Fermo e all’Ass.re Ercole D’Ercoli del Comune di Campofilone per la fattiva collaborazione. Il Delegato Marche Sig. Flavio Vai di ONAS – Organizzazione Nazionale Assaggiatori Salumi – ci dice “La Salsiccia del Fermano è un salume ormai quasi sconosciuto, ma di grande valore storico e gastronomico, che ho avuto l’occasione di conoscere ed assaggiare nello scorso novembre, nella bellissima cornice di una della due macellerie della città di Fermo che ancora producono il salume. Salume fortemente radicato nella storia dalla città di Fermo e nel fermano”. La Salsiccia del Fermano ha la caratteristica di essere in parte cotta e in parte cruda, viene infatti confezionata, con il 50 % di carne cotta proveniente da carne lessata (di testa, spolpo ossa, cotenne ecc.), il 25 % con carne magra (spalla, rifilature, ecc.) ed il 25% con pancetta. Il tutto macinato finemente e conciato con spezie, aromi a volte liquori. Ne esce fuori un prodotto stupendo in cui l’armonia e l’equilibrio tra profumi e aromi ne fanno un salume di grande valore gastronomico. La salsiccia può essere apprezzata sia cotta che cruda. Molti sono i fermani che purtroppo non la conoscono o che non l’hanno mai assaggiata. I motivi sono molteplici ma i più significativi sono la produzione limitata (a Fermo si producono poche decine di kg di salcicce ogni anno), il ridotto periodo di produzione (limitato al solo periodo pre\post natalizio) e la perdita di conoscenza del salume da parte delle giovani generazioni. Molti che in gioventù ne hanno apprezzato le qualità, anche nella produzione in famiglia, da tempo non l’assaggiano. Proprio nell’ottica di far conoscere e valorizzare i salumi storici di valore gastronomico, ormai quasi sconosciuti, l’ONAS ha predisposto la documentazione per la richiesta di inserimento del prodotto di salumeria storica, denominato “LA SALSICCIA DEL FERMANO, nell’elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali PAT della Regione Marche, in un percorso comune concordato con i Comuni il cui obiettivo è quello di promuovere questa stupenda quanto sconosciuta Salsiccia che è preparata da una ristrettissima cerchia tra macellai e salumieri, che al momento conta 6 produttori in tutto il fermano. La presentazione ufficiale della LA SALSICCIA DEL FERMANO avverrà sabato 9 marzo 2024 alle ore 15.30, area AIS all’interno dell’evento TIPICITA’, che si svolge al Fermo Forum. Nell’occasione sarà possibile assaggiare il salume in abbinamento ai vini indicati da Stefano Isidori di AIS Marche.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-03-2024 alle 11:33 sul giornale del 08 marzo 2024 - 46 letture


Redazione VivereFermo




qrcode