x

SEI IN > VIVERE FERMO > POLITICA
articolo

Ortezzano abbraccia la memoria con un giardino dedicato ad Anna Frank

3' di lettura
70

di Lorenzo Cortellucci


Sindaco Piermarini: “Per non dimenticare le stragi di matrice fascista”. L’area verde, già commemorata due anni fa in memoria delle vittime, è stata intitolata ad Anna Frank come simbolo di tutte le giovani colpite dai soprusi e dalle follie nazi-fasciste del Novecento. La cerimonia ha visto partecipare autorità del posto, cittadini e gli alunni della Scuola Primaria ‘Carboni’.

Ortezzano non dimentica, non vuole farlo e ha scelto di affidare la memoria alle nuove generazioni. Nasce proprio da qui la cerimonia che si è svolta nella giornata di sabato, in occasione dell’80esimo anniversario della strage del 2 marzo 1944, dove persero la vita Luigi Mercuri, Rosa Verducci (11 anni) e Maria Teresa Nicolai (9 anni). Per non dimenticare queste violenze di matrice fascista, i bambini della Scuola Primaria ‘Carboni’ di Ortezzano, si sono resi protagonisti di una mattinata dedicata al valore della Memoria.

Alla presenza della Dirigente Scolastica Annarita Bregliozzi, gli alunni hanno incontrato il Presidente dell'ANPI Fermo Paolo Scipioni, il Sindaco Carla Piermarini, il Presidente della Provincia di Fermo Michele Ortenzi e la Consigliera Provinciale con delega alle Pari Opportunità Luciana Mariani. Presenti anche i Sindaci Giovanni Carelli di Montottone e Gaetano Massucci di Monte Vidon Combatte, il Vicesindaco di Ortezzano Erika Acciarri, l'Assessore Gianluca Giulietti, la Consigliera Emanuela Screpanti e Mariano Angelini in rappresentanza della sezione ortezzanese dell'Associazione Combattenti e Reduci.

Paolo Scipioni, dopo avere regalato a tutti i bambini una copia della Costituzione Italiana, ha ricordato il 1944 come anno di Liberazione del Fermano, approfondendo gli episodi in cui persero la vita Luigi Mercuri e le due bambine Rosa e Maria Teresa. Momento importante e di grande spessore è stato quello durante il quale, il Parco è stato intitolato ad Anna Frank.

“Già due anni fa, l’Amministrazione Comunale aveva fatto posare una targa commemorativa per le vittime della strage ed oggi – ha spiegato il Sindaco – abbiamo scelto la figura di Anna Frank perché simbolo di tutte le giovani vittime innocenti delle follie nazi-fasciste del ‘900. Ortezzano vuole mantenere viva l’attenzione contro i crimini che purtroppo ancora oggi si commettono contro l'umanità e rafforzare la memoria delle due bambine, Rosa e Maria Teresa, di cui purtroppo sappiamo poco perché i loro nomi sono stati scoperti solo a distanza di più di settanta anni dai tragici eventi che le coinvolsero e non hanno avuto il tempo e la possibilità di scrivere qualcosa su loro stesse – prosegue Carla Piermarini – Anna Frank, prima di terminare i propri giorni nel campo di concentramento in Germania, ci ha lasciato un testamento letterario in cui, grazie all'immaginazione di cui è capace la giovinezza, è ancora possibile sentirsi liberi interiormente".

Durante la mattinata, inoltre, gli alunni hanno cantato una canzone sulla Pace e recitato delle poesie composte da loro stessi, nelle quali Rosa, Maria Teresa e Anna sono insieme protagoniste. Nella targa di intitolazione dei Giardini, vi è impressa la frase ‘La verità è tanto più difficile da sentire, quanto più a lungo la si è taciuta’. Ad Ortezzano, questa è la prima volta che un luogo pubblico viene intitolato ad una figura femminile.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.




Questo è un articolo pubblicato il 04-03-2024 alle 09:22 sul giornale del 05 marzo 2024 - 70 letture






qrcode