x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPORT
articolo

Porto Sant’Elpidio: Un weekend all’insegna di boxe, MMA e K-1 style: arriva la sesta edizione di “Day in the cage”

4' di lettura
1950

da Roberta Ripa

fermo@vivere.it


Sabato 2 e domenica 3 marzo, il palasport di via Ungheria ospiterà l’evento “Day in the cage”, raduno di boxe, MMA e K-1 style, quest’anno alla sesta edizione. Organizzata dall’associazione Fil’s Fight e dalla Pugilato Nike Fermo, la manifestazione vedrà l’esordio da professionista del giovane elpidiense Lorenzo Tulli.

Gli sport da combattimento saranno i protagonisti del weekend a Porto Sant’Elpidio. Il Palasport di via Ungheria, infatti, ospiterà sabato 2 e domenica 3 marzo “Day in the cage”, importante manifestazione dedicata a boxe, MMA e K-1 style e che, quest’anno, tocca quota sei edizioni. A organizzare l’evento, accolto e pienamente sostenuto dall’amministrazione comunale e dall’assessorato allo sport, due importanti associazioni sportive che insistono sul territorio: la Fil’s Fight di Porto Sant’Elpidio e la ASD Pugilato Nike Fermo. La manifestazione, inoltre, sarà l’occasione per l’esordio da professionista del diciottenne Lorenzo Tulli, giovane promessa del pugilato che ha scelto di disputare il suo primo incontro professionistico proprio nella sua città.

“Siamo orgogliosi di ospitare un evento di tale portata a Porto Sant’Elpidio, e di questo ringrazio Paolo (presidente della Fil’s Fight, ndr) che ha fortemente voluto portare in città la manifestazione”, ha commentato l’assessore allo sport, Enzo Farina; “altro motivo d’orgoglio, naturalmente, è il fatto che il nostro concittadino Lorenzo Tulli abbia scelto di esordire da professionista proprio qui”. A fargli eco, il presidente regionale della Federazione pugilistica, Luciano Romanella: “in quanto elpidiense, l’esordio di Lorenzo a Porto Sant’Elpidio è doveroso; ringrazio l’amministrazione, con la quale abbiamo avviato da subito un’ottima collaborazione che ha come obiettivo finale quello di portare un grande evento pugilistico nazionale, idealmente un campionato italiano, tra qualche anno, proprio a Porto Sant’Elpidio”. Romanella ricorda quindi il pugile Federico Scarponi, elpidiense d’adozione, venuto a mancare pochi giorni fa, aggiungendo come l’evento sarà pure un omaggio al suo ricordo, anche considerato l’amore che nutriva per la città.