x

SEI IN > VIVERE FERMO > CULTURA
articolo

Sant’Elpidio a Mare: studiare il latino alle medie, alla Bacci si può - al via martedì 5 marzo il corso del Prof. Orsili

3' di lettura
3402

da Roberta Ripa

fermo@vivere.it


Anche quest’anno, la scuola media Bacci di Sant’Elpidio a Mare torna a proporre un corso di latino dedicato agli studenti di terza media che vogliono approcciare la materia in vista del liceo o che semplicemente sono curiosi di conoscerla. A tenerli, il professor Paolo Orsili.

Da sempre, la lingua latina affascina e appassiona studiosi e ricercatori. Pur non essendo una lingua ‘viva’ nel senso stretto del termine, in quanto non parlata in nessuno Stato (fatta eccezione per la Città del Vaticano, dove è lingua ufficiale accanto all’italiano), il latino è una lingua che vale ancora la pena studiare e conoscere, sia per avere accesso a tutto il patrimonio culturale-letterario ereditato dagli autori che in questa lingua hanno scritto per secoli, dagli antichi romani sino al medioevo, sia per conoscere meglio le lingue moderne che parliamo oggi, in primis quelle che dal latino derivano direttamente - italiano, francese, spagnolo, ecc - ma anche quelle all’apparenza più distanti, ma che dal latino hanno comunque ricevuto delle influenze. Di queste considerazioni, e non solo, è fermo sostenitore il Professor Paolo Orsili, docente della Scuola Secondaria di I grado "A. Bacci" di Sant'Elpidio a Mare, che tre anni fa promosse e avviò un progetto per portare lo studio del latino proprio alle medie. Un progetto che ebbe un buon successo, tanto da essere replicato anche l’anno successivo (ne parlavamo qui) e che quest’anno viene riproposto per il terzo anno consecutivo, supportato dall’Istituto scolastico e dalla sua dirigente, Teresa Santagata, che nel progetto crede fermamente. La formula sarà la medesima adottata lo scorso anno: il corso, gratuito e aperto a tutti i ragazzi che frequentano le classi terze, si protrarrà per circa due mesi con 8 appuntamenti con cadenza settimanale, il martedì pomeriggio, di due ore ciascuno, per complessive 16 ore. La prima lezione del corso è fissata per martedì 5 marzo, mentre le iscrizioni saranno aperte fino a giovedì 29 febbraio.

“Il corso fornirà le basi propedeutiche allo studio del latino che molti dei ragazzi dovranno affrontare il prossimo anno al liceo, ma servirà anche - e soprattutto - a far capire agli studenti che il latino non è quel ‘mostro’ che a volte immaginiamo, e che non è affatto una materia da temere, anzi, tutt’altro”, ha spiegato il prof. Orsili; “il mio approccio sarà prevalentemente interdisciplinare, e cercherò di avvicinare gli studenti al latino proponendo loro paragoni e confronti con le lingue neolatine ma anche con quelle germaniche come l’inglese, rendendola così materia viva e attuale, stuzzicando la loro curiosità", ha proseguito. "Il mio ringraziamento va naturalmente alla Dirigente scolastica, Teresa Santagata, per aver creduto anche quest'anno nel progetto e aver scelto di supportarlo in toto”, ha concluso.

E proprio grazie al progetto legato al latino, il professor Orsili è risultato tra i candidati all’Italian Teacher Award, riconoscimento di livello nazionale che premia gli insegnanti che hanno proposto i progetti formativi extracurricolari più innovativi. Il vincitore, tra tutti i candidati prescelti nella Penisola, verrà decretato da una giuria di esperti del mondo della scuola e verrà annunciato il 10 maggio, in una cerimonia al Teatro Brancaccio di Roma.



È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.


Questo è un articolo pubblicato il 26-02-2024 alle 21:07 sul giornale del 27 febbraio 2024 - 3402 letture






qrcode