x

SEI IN > VIVERE FERMO > CRONACA
articolo

"La prova di Coraggio" del fermano Andrea Di Domenicantonio a "Ciao Darwin", grande protagonista dell'ultima puntata.

1' di lettura
1708

di Marina Vita

fermo@vivere.it


In posa come la Venere di Botticelli e come nell'urlo di Munch , mentre lo depilavano con ceretta a caldo in varie parti del corpo.

Da Fermo a Ciao Darwin è stato un attimo. Il 30enne Andrea di Domenicantonio di Fermo è stato protagonista dell’ultima puntata della famosa trasmissione televisiva condotta da Paolo Bonolis su Canale 5 , affrontando con disinvoltura e ironia la prova di coraggio a cui ha accettato di sottoporsi , in quanto estratto da Madre Natura, per guadagnare punteggio a favore della sua squadra “ Ciao Darwin Story” che contendeva il titolo alla squadra dei competitors “ Giovanni 8.7.”

La prova di coraggio che si è aggiudicato con largo punteggio consisteva nell’assumere pose replicanti i dipinti di grandi artisti e nel mentre di essere depilato con ceretta a caldo da una estetista in varie e dolorose parti del corpo. Andrea si è prestato al gioco rimanendo in tanga e affrontando con spirito il dolore degli strappi a gambe e petto che il suo viso mostrava tutto, mentre replicava la posa della Venere di Botticelli e dell’Urlo di Munch.

Che ci faceva il giovane fermano in quella trasmissione? La verità è che Andrea Di Domenicantonio è tra i veterani di Ciao Darwin . Aveva partecipato già 5 anni fa alla puntata Davide contro Golia, nella squadra dei Davide, senza però avere un ruolo di spicco in quanto non era stato estratto per i giochi. Stavolta la ruota di Madre Natura si è fermata sul suo numero 40 e lui è stato un grande protagonista di puntata, rappresentando al meglio il nostro territorio e la sua Fermo.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.




Questo è un articolo pubblicato il 26-02-2024 alle 21:39 sul giornale del 27 febbraio 2024 - 1708 letture






qrcode