x

SEI IN > VIVERE FERMO > CRONACA
articolo

C'è anche un fermano nella "black list" dei ricercati di Putin

2' di lettura
1474

di Paolo Bartolomei
fermo@vivere.it


FERMO - C'è anche il nome di un residente in provincia nella "lista nera" degli italiani ricercati dai russi, oppositori del Cremlino e in pericolo di vita.

La sorprendente scoperta pochi giorni fa quando Alex Orlowsky, esperto di politica estera e di comunicazione social internazionale, ha tradotto e pubblicato la lista dei 25 italiani ricercati da Putin; fanno parte di un elenco di quasi 100mila ricercati internazionali. L'elenco da diversi giorni poi è stato rilanciato praticamente ormai da tutti i media e quindi diventato di dominio pubblico.
L'uomo residente nel Fermano ha scoperto suo malgrado che il suo nome e cognome sono presenti nella lista, coincide anche l'anno di nascita. Si tratta naturalmente di un clamoroso caso di omonimia, compresa la coincidenza dell'anno di nascita, oppure di un incredibile equivoco, l'uomo infatti non ha mai avuto nulla a che fare con la Russia né con Putin, e non è un oppositore del Cremlino.
Sta di fatto però che adesso è seriamente preoccupato vista la fine che spesso fanno i soggetti nella "black list" del tiranno russo, vedi da ultimi il caso del dissidente Navalny, oppure quello del disertore Kuzminov raggiunto fino in Spagna dai sicari di Putin.
L'uomo ha anche un'attività e adesso ha paura di perdere clienti, visto che sta ricevendo numerose telefonate da conoscenti che hanno visto il suo nome pubblicato in questa lista.

C'è da chiedersi come è possibile che i mezzi di informazione possano pubblicare e rilanciare un elenco simile vista la delicatezza della faccenda e la possibile presenza di molti casi di omonimia: ci sono alcuni nomi e cognomi molto comuni, altri invece sono personaggi noti, ma non tutti sono in grado di reggere una tale "fama" e la vita privata potrebbe essere sconvolta.
Non è escluso che l'interessato ricorra alle vie legali per fare chiarezza sulla sua totale estraneità ed eventualmente chiedere anche risarcimento danno a chi ha diffuso e rilanciato l'elenco.





Questo è un articolo pubblicato il 23-02-2024 alle 01:28 sul giornale del 24 febbraio 2024 - 1474 letture


Paolo Bartolomei




qrcode