x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPORT
articolo

Fermana perfetta si accontenta dell'1-1 ma può ancora sperare

5' di lettura
1090

di Paolo Bartolomei
fermo@vivere.it


FERMO - Gialloblù avanti nel primo tempo (autogol), sono raggiunti nella ripresa da Dalmonte, provano inutilmente a ritrovare il vantaggio fino al 94' con Petrelli e Condello e dopo la fine recriminano. Il gol resta un tabù: la Fermana oggi ha fallito almeno quattro limpidissime occasioni da rete.


I canarini giocano finalmente una gran partita e creano tante occasioni di attacco, il punticino conquistato delude ma lascia accesa una speranza di risalire in classifica se giocheranno come quella di oggi anche tutte le prossime undici partite (compresi gli eventuali playout), purché prima o poi riescano a fare anche rete: no gol, no salvezza.
Rimane il rammarico di aver perso in sei mesi tanto tempo e tante occasioni, di aver commesso tanti sbagli evitabili e di aver raddrizzato la stagione troppo tardi: se i gialloblù avessero avuto organico, gioco e preparazione atletica visti nelle ultime due partite adesso potrebbero essere ben più su dei playout.
Restano undici partite a disposizione, dal punto di vista aritmetico è ancora possibile per la squadra canarina arrivare terzultima o penultima, ma devono coincidere troppi risultati delle avversaria, in primis di Olbia e Recanatese.
Domenica prossima trasferta a casa dell'Entella, poi fra due settimane, di sabato, arriva a Fermo proprio l'Olbia.

LA PARTITA
Protti prevedendo il suo maggior tasso tecnico degli avversari punta anche oggi ad una formazione più densa e coperta in basso, puntando ad un gioco di ripartenza.
Per questo schiera dal 1' per la prima volta terzino destro Heinz, e sposta Eleuteri all'esterno destro del centrocampo dove può dare il meglio di sé in fase offensiva. Esterno sinistro di difesa confermato Carosso, più maturo e completo di Pistolesi che rientrato dalla squalifica si accomoda in panchina. Coppia centrale Fort e e Santi ma non ci sono alternative perché Spedalieri (problemi al ginocchio) e De Santis (affaticamento muscolare) sono ancora out, benché sulla via del recupero.
Sulla mediana Misuraca come playmaker (al posto dell'infortunato Giandonato) e Scorza, sulla sinistra Petrungaro a part time tra centrocampo e attacco, proprio come Eleuteri dalla parte opposta. Coppia di attacco confermata quella del “Renato Curi” Giovinco e Sorrentino.

CRONACA
La partita inizia con la Spal che domina il gioco e attacca, la Fermana però si difende con ordine grazie alla nuova impostazione tattica e la diversa mentalità, tant'è che Furlanetto è praticamente inoperoso.
Pian piano i gialloblu prendono coraggio, mettono a punto i nuovi schemi di gioco preparati in settimana e mettono sotto la Spal. Sui piedi di Misuraca due grosse opportunità, ma è solo questione di minuti. Al 37' arriva il meritato vantaggio della Fermana, peccato che non si possa attribuire l'ultimo tocco a nessun gialloblu perché è un autorete: tiro cross teso di Petrungaro, uno spallino respinge di testa la palla carambola tra giocatori e inganna il portiere che era uscito, l'ultimo tocco è di Carraro: 1-0.

La Fermana prende coraggio continua ad avere in mano il pallino del gioco e ad attaccare, allo scadere un'altra grandissima occasione sempre dalla sinistra e dai piedi di Petrungaro che si vede a respingere due volte, da portiere da un difensore una propria conclusione. Sfortuna e imprecisione nel tiro. Saranno occasioni rimpiante nella ripresa, a conferma di quanto sia importante la concretezza e precisione offensiva, unico neo che resta a questa Fermana diventata quasi perfetta.

Nella ripresa dopo una fase equilibrata in cui la Spal ha provato a riprendere le redini del gioco al 18' arriva il pareggio degli ospiti con Dalmonte il cui tiro è stoppato inutilmente e termina in rete 1-1.
La Fermana prevedibilmente scende un po' nella ripresa, i cambi di Protti sembrano arrivare sempre un po' tardi, la Spal non ci sta a perdere a casa dell'ultima in classifica. Ribaltamento di fronte e i canarini hanno una gigantesca occasione per tornare in vantaggio: cross da destra di Misuraca dopo un'azione ben impostata dal neo entrato Niang, dalla parte opposta l'esordiente Condello, solissimo, schiaccia di testa ma la palla colpisce un difensore, ancora una volta: sfortuna o imprecisione?
Di nuovo si fa sotto la Spal, pericolosa conclusione stoppata in due tempi di Furlanetto, immediato ribaltamento di fronte e Fermana in area avversaria, il tiro da lontano di Condello è bloccato da Galeotti. Al 90' cross da sinistra ancora di Condello, in area girata a volo di Petrelli tra le braccia di Galeotti.
I gialloblù lottano indomiti fino al 94' e per la prima volta anche con lucidità, soffrendo poco il calo atletico, ma la porta biancazzurra non capitola per le ragioni dette sopra.
Termina con i cori dei tifosi della ovest: “Vi vogliamo così” e “Noi ci crediamo”.

FERMANA (4-4-2): Furlanetto; Heinz (26’ st Condello), Fort, Santi, Carosso; Eleuteri, Scorza (43’ st Petrelli), Misuraca, Petrungaro (26’ st Niang); Giovinco, Sorrentino (43’ st Giannelli).
A disp. Borghetto, Mancini, Pistolesi, Bonfigli, Condello, Marcandella, Locanto. Allenatore: Stefano Protti.

SPAL (4-4-2): Galeotti; Ghiringhelli, Valentini, Peda, Bruscagin; Dalmonte (36’ st Rao), Carraro, Buchel (36’ st Contiliano), Maistro (14’ st Edera); Zilli (14’ st Petrovic), Antenucci (23’ st Rabbi). A disp. Alfonso, Del Favero, Fiordaliso, Orfei, Saiani, Iglio, Nador, Tripardelli, Breit. Allenatore: Domenico Di Carlo.

ARBITRO: Enrico Gigliotti di Cosenza (Marco Toce di Firenze, Michele Decorato di Cosenza; Mattia Maresca di Napoli)

RETI: 37’ pt Carraro (aut.), 18’ st Dalmonte

NOTE: ammoniti: 17’ pt Petrungaro, 45’ pt Peda, 6’ st Misuraca, 11’ st Buchel, 25’ st Bruscagin, 28’ st Sorrentino; angoli 7-4; recuperi 2+4; spettatori in totale 1376 di cui 754 abbonatie 280 ospiti in curva est; incasso in totale 8553,78 euro di cui rateo abbonati 3623,28 euro.

ARTICOLI CORRELATI

https://www.viverefermo.it/2024/02/18/fermana-contro-la-spal-servir-una-battaglia/225674/

https://www.viverefermo.it/2024/02/15/la-fermana-maledice-la-zona-cesarini-a-perugia-ko-all85-1-0/224259/

https://www.viverefermo.it/2024/02/14/fermana-mister-protti-resta-in-sella-ed-gi-pronto-per-perugia/223208/

https://www.viverefermo.it/2024/02/13/fermana-protti-verso-lesonero-mengo-o-silva-nuovo-allenatore/222601/

https://www.viverefermo.it/2024/02/11/la-fermana-canna-alla-grande-il-derby-la-vis-vince-col-minimo-sforzo-0-2/221900/

https://www.viverefermo.it/2024/02/11/derby-fermana-vis-pesaro-per-la-classifica-per-i-tifosi-per-la-citt/221502/

https://www.viverefermo.it/2024/02/04/la-fermana-resiste-per-83-poi-si-arrende-al-cesena-1-0/217687/

https://www.viverefermo.it/2024/01/30/fermana-dangelo-si-presenta-a-fermo-sto-bene-aiutiamo-i-simoni-e-la-fermana/214353/

https://www.viverefermo.it/2024/01/27/fermana-spietata-a-recanati-1-3-torna-in-corsa-per-la-salvezza/213468/



Questo è un articolo pubblicato il 18-02-2024 alle 16:02 sul giornale del 19 febbraio 2024 - 1090 letture


Paolo Bartolomei




qrcode