x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Fermo: sorveglianza speciale nei confronti di un cittadino di Altidona autore di atti persecutori nei confronti di una donna

2' di lettura
64

di Redazione Vivere Fermo

fermo@vivere.it


Nel giorno di San Valentino in cui si celebra l’amore, la Polizia di Stato di Fermo scende in campo, ancora una volta, concretamente a tutela delle donne vittime di violenza dando esecuzione a un provvedimento di sorveglianza speciale nei confronti di un cittadino altidonese, poco più che quarantenne, autore di una serie innumerevole di atti persecutori nei confronti di una donna fermana.

Il provvedimento, emesso dall’apposita sezione misure di prevenzione del tribunale di Ancona su proposta del Questore di Fermo, si è reso necessario in virtù delle plurime condotte vessatorie e persecutorie dell’uomo, messe in atto dal giugno del 2022 ad oggi, non solo ai danni della donna fermana, ma anche nei confronti di numerose altre donne, residenti in diverse provincie italiane, sparse da nord a sud, che l’uomo molestava sistematicamente, con telefonate, con invio di messaggi o di video a sfondo sessuale utilizzando le piattaforme social o di messaggistica istantanea. Nell’arco di pochi mesi, aveva sottoposto le malcapitate a ripetute molestie persecutorie che non si erano fermate nemmeno di fronte ai provvedimenti di Ammonimento per atti persecutori ex art. 8 del decreto legge nr. 11 del 2009 convertito in legge nr. 38 del 2009 che, il 18 febbraio del 2023, gli erano stati notificati successivamente alla denuncia sporta da altre due donne residenti, stavolta, in questa Provincia. Infatti l’uomo, incurante di ogni denuncia e provvedimento, continuava nei suoi comportamenti molesti reiterandoli continuamente nei confronti dell’ultima vittima fermana, ingenerando in lei un forte stato di prostrazione psicologica. Di qui la misura massima della Sorvegliaza Speciale prevista dall’art. 6 lett. I ter del codice antimafia che prevede appunto la possibilità per l’Autorità Provinciale di P.S. di adire il tribunale distrettuale di Ancona al fine di ottenere la predetta misura per molestie persecutorie, che costituisce il provvedimento più grave ed incisivo fra i provvedimenti di prevenzione previsti dal codice antimafia e che è stata introdotta da alcuni anni.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-02-2024 alle 12:41 sul giornale del 15 febbraio 2024 - 64 letture


Redazione VivereFermo




qrcode