x

SEI IN > VIVERE FERMO > POLITICA
articolo

Sant'Elpidio a Mare: Ecco OPEN, un nuovo gruppo associativo culturale e sociale

3' di lettura
176

da OPEN


La nuova associazione è nata nei giorni scorsi. “Sostegno all'Amministrazione e presentazione di un nuovo progetto partecipato”. Sarà una realtà aperta al nuovo e alle contaminazioni.

Sant’Elpidio a Mare si arricchisce di una innovativa realtà associativa che risponde al nome di OPEN. Il progetto è stato intrapreso dai consiglieri comunali. Marco Maria Lucidi, Francesco Tofoni e Maria Mariana, insieme agli assessori Claudia Bracalente e Stefano Pezzola. Due gli obbiettivi che porterà avanti OPEN:

• Sostenere l'attuale Amministrazione Comunale con una visione sul futuro e con nuove iniziative che possano rispecchiare sempre più le esigenze della cittadinanza. Come afferma Francesco Tofoni, nel ruolo in cui ci troviamo vogliamo, ancor di più, essere da esempio e da trampolino di lancio per le idee e per le proposte concrete che si manifestano nel nostro territorio;

• Rafforzare il collegamento con la cittadinanza, creando un ponte tra le istituzioni e le esigenze dei cittadini. Promuovendo la partecipazione degli stessi alle decisioni che riguardano la città, impegnandosi a migliorare ancora di piú il dialogo tra amministrazione e cittadino. L'associazione OPEN crede che la collaborazione tra cittadini e istituzioni sia fondamentale per costruire una comunità più coesa e solidale ma anche per promuovere lo sviluppo sostenibile del territorio.

“Un'associazione che opererà soprattutto nel massimo rispetto e attenzione per il ruolo che ognuno di noi sta svolgendo con spirito di servizio in questa amministrazione. L’obbiettivo è offrire maggiori opportunità ai cittadini elpidiensi – spiegano i Consiglieri - L’associazione ha lo scopo di essere la mano tesa dell’amministrazione verso i cittadini e lo strumento per raccogliere e sviluppare idee”.

Un progetto ambizioso e aperto a tutti, "OPEN non sarà una semplice associazione - dichiara il promotore Marco Maria Lucidi - Aspiriamo a diventare una vera e propria community, che si rivolge ad un pubblico di giovani e meno giovani non ascoltati, per costruire insieme un futuro migliore per Sant'Elpidio a Mare." Insomma, OPEN sarà strumento innovativo per coinvolgere cittadinanza, associazioni e forze sociali. È rivolta a tutti i cittadini che hanno a cuore il futuro di Sant'Elpidio a Mare.

“La prima fase del nostro progetto prevede il reclutamento di professionalità - spiega Lucidi - Chiunque voglia partecipare alla Community compilerà un form online, indicando i propri interessi e competenze. Questo permetterà di conoscere le potenzialità di ognuno e di creare un database di professionalità e conoscenze, complementari alle nostre, a disposizione della cittadinanza. L’associazione con le persone giuste potrà realizzare i progetti proposti dai cittadini. Da questa associazione dovrà nascere qualcosa di davvero utile e concreto per la nostra comunità, dove chi vorrà partecipare potrà lavorare insieme in maniera proficua, in un clima di partecipazione concreta e di collaborazione” sottolinea Maria Mariani.

“Nella seconda fase, ci concentreremo sull'ascolto - prosegue Lucidi - Sfrutteremo i social media, ma anche canali di comunicazione tradizionali e gli incontri pubblici, per raccogliere proposte concrete per migliorare la città”. E nella terza fase? “Istituiremo dei tavoli di confronto per discutere le proposte raccolte e individuare le soluzioni migliori, con sessioni di brainstorming collettive, strumenti di design thinking e soprattutto attraverso il supporto di professionisti” conclude Lucidi. “I tavoli di confronto saranno tematici e aperti a tutti i cittadini”.

Il Logo? “Può sembrare scontato - afferma Tofoni - ma rappresenta al meglio l'Associazione OPEN e gli ideali che essa rispecchia. Presenta una “O” che diventa un contenitore aperto e pronto ad essere riempito di idee e di progettualità”.

Ecco OPEN, un Associazione no profit, un'associazione che si pone in mezzo alla gente, un direttivo che incarna a sé tre aspetti imprescindibili: spirito di servizio, partecipazione e libertà di confronto.



Questo è un articolo pubblicato il 12-02-2024 alle 14:42 sul giornale del 13 febbraio 2024 - 176 letture






qrcode