x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Fermo: il Murri si dota di un nuovo macchinario di ultima generazione, Biopreserve

2' di lettura
1392

AST Fermo 


L'ospedale Murri di Fermo si dota di un nuovo macchinario di ultima generazione.

Si tratta del "Biopreserve", un sistema robotizzato per il confezionamento in formalina di campioni chirurgici in contenitori rigidi. Il macchinario, all'avanguardia, è stato consegnato ieri mattina al Blocco Operatorio dell'ospedale di Fermo che da oggi è così l'unica struttura sanitaria pubblica nelle Marche a disporne. Su iniziativa dalla funzione organizzativa, dr. Claudio Carosi, subito avallata e sostenuta dal direttore del Murri, dr.ssa Elisa Draghi, e dal responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione, dr. Martino Torre, con il sostegno del Direttore generale Ast, dr. Roberto Grinta, del Direttore sanitario, dr.ssa Simona Bianchi, e di quello amministrativo, dr. Alberto Carelli, il macchinario è stato acquistato dal Murri consentendo di adeguarsi al meglio alla normativa vigente e garantendo ai professionisti del Blocco operatorio e dell'Anatomia patologica totale sicurezza nel loro delicato lavoro di conservazione, trasferimento e analisi di materiale anatomico e di organi. Il "Biopreserve" garantisce, al contempo, una conservazione ottimale dei campioni chirurgici, elemento fondamentale per la miglior diagnosi possibile a tutela del paziente. Le operazioni di erogazione della formalina e sigillatura del contenitore sono effettuate in automatico all’interno di un vano chiuso, aspirato e filtrato, garantendo, fattore fondamentale, la totale sicurezza per l’operatore che inserisce il campione chirurgico nel contenitore, imposta il programma e posiziona il contenitore dentro il vano di carico. In automatico, lo strumento pesa il campione, dosa la formalina e termosigilla ermeticamente sul contenitore un coperchio preformato d’alluminio che garantisce una completa impermeabilità ai liquidi e vapori. Il "Biopreserve" va ad aggiungersi ad altri macchinari di ultima generazione presenti nel Blocco operatorio del Murri: ultimi, in ordine di tempo, i due Neptune 3 (ne è in arrivo anche un terzo). Si tratta di un sistema per la gestione dei rifiuti fluidi, che raccoglie, trasporta e scarica i fluidi chirurgici aiutando a proteggere il personale dall’esposizione ai rischi e aumentando allo stesso tempo l’efficienza in sala operatoria.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-02-2024 alle 14:10 sul giornale del 03 febbraio 2024 - 1392 letture






qrcode