x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
articolo

Arretramento A14: proiezioni demografiche sul Fermano ne evidenziano l’importanza

3' di lettura
1158

di Massimo Valentini
Presidente Fondazione San Giacomo della Marca – Presidente Comitato Arretramento A14 e FS Marche sud

 


Ventotto milioni di persone (il 47% della popolazione italiana) vivono entro 10 chilometri da uno svincolo autostradale e 10 milioni di addetti (il 57% del totale nazionale) lavorano in aziende localizzate entro 10 chilometri da uno svincolo.

Si è più volte argomentato negli ultimi tempi sulla necessità di una valutazione tecnica dei vari aspetti del nostro territorio al fine di arrivare alla scelta di infrastrutture ponderate e portatrici di una visione strategica di sviluppo territoriale.

Recentemente l’Istat ha presentato la previsione delle variazioni demografiche delle provincie di AP e FM per il periodo 2021-2041 da cui si osserva che a fronte di una sostanziale tenuta dell’area costiera c’è un chiaro peggioramento della fascia media collinare ( -15,10% per la provincia di AP e -13,04% per la provincia di FM) e della fascia montana (-29,71% per la prov. di AP e - 16,51% per la prov. di FM).

Sempre l’Istat ha inoltre documentato attraverso l’indice di fragilità comunale una criticità specifica per le aree interne delle Marche sud.
Questi dati attestano inequivocabilmente la dinamica dello spopolamento in atto che in un circolo vizioso implicherà necessariamente una diminuzione dei servizi e quindi la progressiva perdita di un appeal insediativo.

Stante l’attuale assetto infrastrutturale se ne deduce pertanto che il modello sin qui perseguito di sviluppo delle presenze straniere, del turismo ecologico e delle produzioni agricole di qualità non sono in grado di invertire il trend in atto di abbandono delle aree interne.
A fronte di questa considerazione il Libro Verde di Aspi uscito a fine anno, che tratta dell’impatto delle Autostrade in Italia, afferma una verità intuita, ma ora documentata: “circa 28 milioni di persone (il 47% della popolazione italiana) vivono entro 10 chilometri da uno svincolo autostradale e 10 milioni di addetti (il 57% del totale nazionale) lavorano in aziende localizzate entro 10 chilometri da uno svincolo. La costruzione delle autostrade nel secondo dopoguerra ha quindi influenzato le scelte localizzative di famiglie e imprese.”

Appare pertanto indubbio che la vicinanza del casello autostradale è stato un volano di sviluppo per le aree interessate.
Quale sviluppo? Lo sviluppo che le competenze pianificatorie dei singoli Comuni hanno permesso. Alla luce di queste considerazioni va ripensato il tema della richiesta dell’arretramento autostradale integrale da PSE a SBT invece della realizzazione della terza corsia sino a Pedaso e del mini arretramento di un senso di marcia da Pedaso e SBT che, come più volte detto e documentato, non risolve i problemi ambientali della costa e il problema dell’abbandono delle aree interne. L’arretramento porterebbe i caselli autostradali più vicino alle aree interne raggiungendo questo duplice obiettivo che rilancerebbe lo sviluppo complessivo del territorio.

L’arretramento integrale dell’A14 nelle Marche sud è un’alternativa progettuale che merita di essere valutata e confrontata con l’altra ipotesi portata avanti da ASPI. Valutandola sotto tutti gli aspetti, compreso il profilo ambientale che dovrebbe anche tener conto che l’arretramento dell’A14 sarebbe in buona parte interrato, mentre la realizzazione della Mezzina prevista dalla Regione sarebbe tutta allo scoperto e quindi con un inevitabile danno ambientale, compreso inoltre il profilo socio-economico per lo sviluppo che darebbe alle aree interne invertendo l’attuale dinamica di progressivo abbandono.
Con questa scelta i Comuni di dette aree inoltre possono tornare ad essere protagonisti esercitando le proprie competenze pianificatorie che ci auguriamo tutti siano finalizzate a valorizzare la ricchezza ambientale e storica del territorio. Occorre passare da un dibattito da tifoserie a quello basato su dati tecnici ed economici oggettivi, in tale prospettiva la valutazione completa delle due alternative progettuali per l’A14 potrà dare alla politica tutti quelle informazioni necessarie per arrivare a quelle scelte che determineranno il futuro del nostro territorio.



È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.


Questo è un articolo pubblicato il 29-01-2024 alle 19:44 sul giornale del 30 gennaio 2024 - 1158 letture


Massimo Valentini Presidente Fondazione San Giacomo della Marca – Presidente Comitato Arretramento A14 e FS Marche sud




qrcode