x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
articolo

Sant’Elpidio a Mare: giullari, musici e giocolieri per un tuffo nel Medioevo più colorato: arriva domenica la Festa dei Folli

2' di lettura
480

da Roberta Ripa


Cresce l’attesa per l’edizione zero della Festa dei Folli, la nuova manifestazione storica targata Ente Contesa che farà rivivere una delle feste più allegre e colorate del Medioevo, quella che viene comunemente considerata come l’antesignana del moderno carnevale, la Festa dei Folli.

Solo due giorni e Sant’Elpidio a Mare si tufferà nuovamente nel Medioevo. Un viaggio che, stavolta, sarà insolitamente ‘fuori stagione’, grazie alla prima rievocazione storica che avrà luogo in inverno. Una sfida, quella di riempire il calendario eventi anche nei mesi storicamente “vuoti”, a cui da anni lavorano l’Ente Manifestazioni Storiche Contesa del Secchio e la sua Presidente, Alessandra Gramigna. E che, da quest’anno, si trasforma in un (altro) obiettivo realizzato. Dopo un lungo lavoro, infatti, l’Ente Contesa porterà in città, domenica 28 gennaio, la Festa dei Folli. Sarà una festa colorata, allegra, spensierata, che farà rivivere nel centro storico cittadino - in particolare nella cornice di Piazza Matteotti - il volto più goliardico del Medioevo. Giullari, musici, teatranti e giocolieri animeranno, dalle 15:30 circa del pomeriggio, la Piazza, dando vita a quello che può essere definito il “carnevale del Medioevo”; “non deve, però, essere confusa con una Festa di Carnevale”, precisa la Presidente dell’Ente Contesa, Alessandra Gramigna, “scordate le maschere moderne, Arlecchino o Spiderman: le maschere ci saranno, sì, ma non bisogna dimenticare che siamo nel Medioevo, e che dunque il limite temporale è quello del 1400, al massimo”. Maschere consentite a chiunque, quindi, purché rispettino la chiave storica di questo carnevale medievale, che tra i suoi intenti goliardici aveva quello di rappresentare il capovolgimento dei ruoli sociali, con popolani che potevano diventare nobili, o viceversa. Ben vengano dunque costumi da popolani, nobildonne o cavalieri, ma anche quelli di antiche civiltà, perché le maschere più originali potranno essere addirittura premiate da Re Carnevale in persona, che decreterà i vincitori de “la disputa de lo costume”.

Il programma de “La festa dei folli” prevede ben 11 spettacoli complessivi a rotazione oraria, messi in scena da compagnie di teatranti professionisti coadiuvati dalle quattro contrade storiche e dalle delegazioni foranee; sarà attivo anche un truccabimbi versione medievale per i più piccoli mentre, per tutta la durata dell’evento, sarà possibile rifocillarsi presso la Locanda de Re Carnevale. L’evento è a ingresso libero e gratuito, e non è necessaria alcuna prenotazione per assistere agli spettacoli. La Festa dei Folli è un evento patrocinato dalla Città di Sant'Elpidio a Mare e dall'Assessorato alle Manifestazioni Storiche.



È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.




Questo è un articolo pubblicato il 26-01-2024 alle 18:53 sul giornale del 27 gennaio 2024 - 480 letture


Roberta Ripa




qrcode