x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
articolo

Fermo: Slow Food e Slow Wine, le condotte dei Sibillini e del Fermano si uniscono

1' di lettura
102

di Marina Mannucci
fermo@vivere.it

 


L'evento, organizzato dalla Condotta dei Sibillini, ha visto la collaborazione della Condotta dei Porti-Fermano, con la presenza della fiduciaria Annalinda Pasquali.

Con l'inaugurazione di Giocondo Anzidei della Condotta dei Sibillini e con la presentazione dei vini si è dato avvio al pranzo, all'interno della storica Enoteca Bar a vino di Fermo.

L'oste Giuseppe, che da sempre si dedica alla cucina con passione, ha deliziato i presenti con piatti della tradizione e con materie prime eccellenti, a partire dal tagliere di salumi al cotechino con puntarelle, dal tortino con ricotta e spinaci al bollito con salse, dalla stracciatella al risotto allo zafferano: tutto il menù è stato pensato per essere slow food.

Abbinato a ogni piatto un differente vino. “Abbiamo scelto vini poco noti – ha spiegato Anzidei – per dare l'occasione anche a queste etichette di presentarsi al di là del loro territorio d'origine”.

I vini, provenienti da Toscana, Sicilia, Emilia-Romagna, Piemonte e Veneto, sono stati degnamente presentati e apprezzati dai commensali.

Mangiare slow food equivale a prendersi del tempo per preparare il pasto, scegliere ingredienti del territorio e apprezzarne la preparazione, sostenere il prodotto dell'orto al posto di quello industriale e soprattutto scegliere un alimento sano sia per l'ambiente circostante che per il proprio corpo.

Alla fine del pranzo si crea un ambiente famigliare e conviviale, perché mangiare bene è sinonimo di stare bene, anche in compagnia.

Il calendario con i prossimi eventi firmati Condotta del Fermano sarà presto presentato.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.


Questo è un articolo pubblicato il 22-01-2024 alle 14:31 sul giornale del 23 gennaio 2024 - 102 letture