x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPORT
articolo

Fermana, il baby Grassi regala da Pescara un bel pareggio: 1-1

5' di lettura
1162

di Paolo Bartolomei
fermo@vivere.it


PESCARA - Un gol al 93' del giovanissimo Lorenzo Grassi (classe 2004, primo centro per lui tra i prof), entrato 3' prima, pareggia la rete di Vergani e fa proseguire la serie positiva per la Fermana che stava subendo all'Adriatico una sconfitta non meritata.

La “nuova” Fermana non si da mai per vinta, è questa la mentalità giusta che serve per provare a salvarsi o in ogni caso per dare un senso al campionato. Anche sette giorni prima, contro la Juve NG, aveva rimontato, siglando il gol decisivo nei minuti finali, segno di una migliorata condizione non solo fisica ma anche mentale.
A Pescara è stato confermato il nuovo trend caratteriale e il girone di andata si chiude con il quarto risultato utile consecutivo per i gialloblù (6 punti in 4 partite) che allo stadio Adriatico, nonostante la superiorità tecnica e territoriale dei padroni di casa, hanno giocato ordinatamente, quasi mai in affanno nonostante gli attacchi tambureggianti degli abruzzesi, soprattutto nel primo tempo, e sono riusciti a creare anche diverse pregevoli azioni di attacco e occasioni da gol, fallite per la mancanza di una punta con le qualità che, ad esempio, aveva lo scorso anno Fischnaller.
Si, perché i gialloblù prima del gol di Grassi, arrivato in extremis, avevano già avuto due limpide occasioni per pareggiare con Semprini che però non ha mai la freddezza sotto rete. Film già visto altre volte, ad esempio contro l'Ancona, la mancanza di una punta di qualità e soprattutto di esperienza (oggi out anche Montini e Paponi per acciacchi vari) rischia di pesare molto sulla classifica, sarà il primo problema da risolvere con la massima urgenza all'apertura del mercato a gennaio.
Il pari è importante non solo per la classifica (stasera Fermana a -4 dalla penultima, che è l'Olbia, e a -6 dalla salvezza diretta) ma anche per lo spirito e l'autostima.

Per le statistiche storiche, la Fermana non conquistava un punto a Pescara da 90 anni: al campionato 1933/34 risaliva l'unico risultato positivo dei gialloblù a casa dei biancazzurri (0-0), negli altri sette successivi derby (prima al vecchio campo Rampigna poi all'Adriatico) sono arrivate sempre sconfitte, anche pesanti. Vedi in fondo all'articolo linkato la storia di tutti i precedenti.

Ora due settimane di riposo, la Fermana torna in campo sabato 6 gennaio al Recchioni contro la Carrarese per la prima giornata di ritorno.

LA PARTITA
Protti a Pescara conferma modulo e impostazione delle tre precedenti partite, due novità il rientro di capitan Giandonato sulla mediana dal 1' al posto dello squalificato Fontana e poi il ritorno di Eluteri alla posizione di terzino destro a seguito di un problema fisico dell'ultimo minuto per Santi, e i due esterni di attacco sono Pinzi e Tilli.

Il primo tempo è un monologo, i biancazzurri attaccano in continuazione a ritmo tambureggiante, la Fermana riesce ad essere corta, compatta e fare la densità sufficiente per impedire ai pescaresi di arrivare alla conclusione, quelle poche volte che ci arrivano Furlanetto e un pizzico di fortuna sono dalla parte dei gialloblù. Ricordiamo che il Pescara aveva siglato 9 reti in due recenti partite contro Olbia e Pontedera.
Il centrocampo è tutto in mano agli uomini di Zeman, i canarini si affacciano verso l'aria pescarese poche volte più che altro nel finale, con Tilli e Pinzi che se riescono ad avere qualche metro di libertà portano scompiglio alla squadra di casa che generalmente è quasi tutta protesa in avanti.

La ripresa si apre con lo stesso copione, poi ad un certo punto la Fermana prende coraggio e verso il quarto d'ora con Pinzi e Semprini ha una grossa occasione per sbloccare il risultato. Sorte vuole che subito dopo il Pescara, spaventato, si getta in avanti con rabbia e sfrutta una indecisione difensiva che libera per la conclusione Vergani che nell'intervallo aveva rilevato Cuppone, per lui primo gol stagionale: 1-0. La risposta della Fermana arriva sei minuti più tardi e va vicinissima al pari con Semprini che si divora il gol, gli manca la freddezza come capitato contro l'Ancona e altre volte. Al 25' colpo di testa di Spedalieri (cross di Pistolesi), palla fuori di poco.
Protti mette dentro Gianelli al posto di Scorza non al meglio e per Pinzi inserisce Curatolo che appena entrato prova una conclusione al volo da lontano. Mancano 5' al termine e la Fermana sembra arrendersi con Giandonato che esce ed è sostituito dal giovanissimo Vessella (riesumato dopo 11 partite tra panchina e tribuna) ed Eleuteri che resta in campo nonostante i crampi.

Poi quando tutto sembra finito, al 93' dall'ennesimo cross di Eleuteri, Misuraca rimette al centro dove Grassi, appena entrato tre minuti prima al posto di Tilli, appostato in area piccola beffa tutti e mette in rete.
1-1 per la gioia dei gialloblù e per il giovanissimo (nato nel 2004, come Curatolo) attaccante, recanatese di nascita ma prodotto del vivaio canarino.

PESCARA (4-3-3): Plizzari; Pierno (37’ st Floriani Mussolini), Brosco, Mesik, Moruzzi; Manu (1’ st Tunjov), Squizzato (45’ st De Marco), Dagasso; Merola, Cuppone (1’ st Vergani), Cangiano. A disp. Ciocci, Barretta, Di Pasquale, Milani, Masala, Mora, Staver, Tommasini) All. Zdenek Zeman

FERMANA (4-3-3): Furlanetto, Eleuteri, Spedalieri, Gasbarro, Pistolesi; Scorza (33’ st Gianelli ), Giandonato (41’ st Vessella), Misuraca; Pinzi (33’ st Curatolo), Semprini, Tilli (45’ st Grassi). A disp. Borghetto, Mancini, Fort, Santi, Biral, Badji. All. Stefano Protti

ARBITRO: Giorgio Vergaro di Bari (Giuseppe Cesarano di Castellammare di Stabia, Francesco Piccichè di Trapani, Raffaele Gallo di Castellammare di Stabia).
RETI: 15 st Vergani, 48 st Grassi
NOTE: ammoniti Tunjov, Cangiano, Scorza, Pierno, Vessella; angoli 7-2; recupero 1+4; spettatori 2.200 di cui 117 ospiti.


ARTICOLI CORRELATI

https://www.viverefermo.it/2023/12/24/la-fermana-a-pescara-tra-ricordi-del-passato-e-un-duro-presente/230182

https://www.viverefermo.it/2023/12/17/fermana-eroica-rimonta-sulla-juve-ng-torna-alla-vittoria-2-1-sperando-nel-miracolo/226529/

https://www.viverefermo.it/2023/12/16/vendita-fermana-rosati-ha-formulato-lofferta-scritta-adesso-la-palla-ai-simoni/225750

https://www.viverefermo.it/2023/12/11/la-fermana-2-0-perfetta-e-conquista-a-lucca-un-pari-stretto-0-0/222432/

https://www.viverefermo.it/2023/12/04/la-fermana-post-rivoluzione-ferma-la-capolista-e-torna-a-fare-punti-1-1/218462/

https://www.viverefermo.it/2023/11/14/fermana-tubaldi-si-dimesso-galassi-diventa-dg-e-torna-andreatini-ds/204587/

https://www.viverefermo.it/2023/10/29/ecco-perch-la-fermana-ce-la-pu-ancora-fare/194445/



Questo è un articolo pubblicato il 24-12-2023 alle 07:03 sul giornale del 24 dicembre 2023 - 1162 letture


Paolo Bartolomei




qrcode