x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPETTACOLI
articolo

Bentornato Teatro Rossini! E benvenuto Giancarlo Giannini

2' di lettura
144

di Marina Mannucci
fermo@vivere.it

 


Super ospite della serata di apertura del Teatro Rossini di Civitanova Marche, il grande Giancarlo Giannini si esibisce in “Poesia e Musica” ma ad accoglierlo un pubblico piuttosto distratto.

In completo da sera e con andatura sicura, entra in scena Giancarlo Giannini che inizia a leggere, a volte declamando, Salinas, Lorca, Nerduda mentre si intervallano musiche latine. “Non ce l'avete una musichetta un po' spagnola? Olè?” Giannini scherza coi musicisti che lo accompagnano col sax, la chitarra e il flauto traverso e sono Stefano Maffizzoni, Marco Zurzulo e Andrea Candeli.

Ironico, pronto intrattenitore: un uomo di spettacolo del suo livello può permettersi di mettere in scena un recital a metà tra l'improvvisazione e la finta improvvisazione, scherzando, sbagliando, perdendo i fogli da leggere e riprendendosi ironizzando “cosa dobbiamo fare ora?”.

“Io sono un attore – dice quasi a giustificarsi – e in inglese recitare si dice to play, che significa anche giocare”.

In effetti Giannini gioca coi suoi musicisti ed è serio coi suoi poeti. Durante la serata legge poesie dei poeti più lontani nel tempo e nell'ideologia, tutti accomunati dall'argomento scelto: le donne e l'amore. Purtroppo, però, solo due sono le poetesse citate, Alda Merini e Ada Negri, gli altri sono Leopardi, Dante, Pasolini, Cardarelli, Petrarca, Ungaretti, un ignoto poeta cinese e un anonimo pellerossa.

La serata scorre leggera e rapida – d'altronde vedere Giannini in scena è un piacere – e finisce con una breve frase da prendere come suggerimento di vita: “bisogna ridere della vita”.

Il Teatro Rossini di Civitanova, non del tutto pieno, risponde però con fatica allo spettacolo, mostrando meno calore di quanto è solito vedersi in altri teatri della Regione. Gli applausi sono pochi e spenti, almeno un quinto del pubblico è uscito durante la serata per non rientrare più e un diffuso atteggiamento di fredda emotività ha pervaso una serata che aveva i presupposti per esplodere. Un vero peccato.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.




Questo è un articolo pubblicato il 10-12-2023 alle 12:42 sul giornale del 11 dicembre 2023 - 144 letture






qrcode