x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
articolo

Porto San Giorgio: i lavori del Liceo Artistico Preziotti-Licini esposti al Castello dei Presepi

2' di lettura
242

di Luigi De Signoribus

fermo@vivere.it


Grazie ad un attento lavoro di recupero e di restauro, il Liceo Artistico sangiorgese conferma la sua presenza, per la stagione natalizia, con le sue opere in mostra su un percorso itinerante a Castel San Giorgio.

4 le tavole lignee recuperate, risalenti agli inizi del Duemila e che si ispirano alle opere quattrocentesche di Filippo Lippi e Domenico Ghirlandaio, più una quinta tavola che è una copia di un'opera di Gentile da Fabriano (l'originale si trova attualmente agli Uffizi di Firenze) e realizzata negli anni Ottanta. Tutti i lavori sono stati il frutto dell'ingegno creativo degli studenti del liceo che, in tempi diversi, hanno deciso di lasciare un segno tangibile del loro operato, sia per l'istituto che per la città.

Lo sa bene l'assessore al turismo Giampiero Marcattili che apre il discorso: “La collaborazione da parte dell'amministrazione con il Liceo si è sempre di più rafforzata. Questo equivale ad un impegno maggiore, da entrambe le parti, a far sì che progetti come questo possano continuare per molto tempo. Le opere recuperate dagli studenti sono ora visibili lungo un percorso itinerante che attraversa Castel San Giorgio e che arriva fino in cima all'Arco del Diavolo, a ridosso delle mura castellane. L'arricchimento è costante, così come lo è stato il lavoro svolto”.

Dello stesso parere anche la dirigente Scolastica Annamaria Bernardini che aggiunge: “Quest'anno sono state coinvolte sia le classi del biennio e del triennio. Il riconoscimento per il progetto portato a termine va alle competenze di tutti coloro che sono stati coinvolti, dell'istituto, dei docenti ma, soprattutto dei ragazzi, veri protagonisti del successo di tali opere. Il loro impegno e motivazione possono costituire un vanto per la scuola, che oramai è divenuta un punto di riferimento per il territorio fermano”. E alle parole di Bernardini si accodano gli insegnanti del corpo docente, Grazia Cicchinè (pittura), Andrea Romagnoli (scultura), Alessia Forti (restauro), tutti concordi nell'affermare che i ragazzi sono stati “parte attiva dei lavori, i quali, grazie a questa esperienza formativa, hanno dimostrato di saper lavorare con determinazione, secondo pregio e qualità”.

Parola chiave, infatti, dell'intero discorso è la collaborazione tra comune e scuola, di rivelante importanza, come sottolinea il neo assessore all'istruzione Marco Tombolini, poiché fautrice della realizzazione di nuovi progetti. I ringraziamenti per il lavoro eseguito vengono rivolti agli studenti anche da parte del primo cittadino Valerio Vesprini, cui spetta la chiosa: “Il Liceo Artistico è una risorsa fondamentale per il territorio, di qualità. L'obiettivo è quello di alimentare una collaborazione che risulti proficua con l'istituto, per far sì che i suoi talenti vengano esposti e sempre valorizzati”.





Questo è un articolo pubblicato il 07-12-2023 alle 12:06 sul giornale del 08 dicembre 2023 - 242 letture






qrcode