x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPORT
articolo

La Fermana post rivoluzione ferma la capolista e torna a fare punti: 1-1

5' di lettura
1098

di Paolo Bartolomei
fermo@vivere.it


FERMO - Gialloblù più attenti e con più voglia di lottare, vanno in vantaggio con Misuraca, sfiorano il raddoppio e subiscono il pari della Torres con Ruocco nella ripresa. L'esclusione di quattro senior, l'ultimo riassetto interno e le strigliate di Andreatini e Galassi hanno fatto bene?


Dopo quattro sconfitte consecutive, la Fermana torna a conquistare punti. L'ultima volta fu contro l'Ancona (29 ottobre) e anche in quel caso il centro fu di Misuraca, sebbene in rimonta dopo il vantaggio dell'ex Clemente. Questa volta il pari vale doppio perché conquistato contro la ex capolista Torres che proveniva da tre vittorie consecutive.

A seguito dell'esclusione dai convocati di Padella, Calderoni e Laverone e a causa dell'infortunio a Montini, l'allenatore della Fermana Protti presenta una formazione completamente rivoluzionata, a cui si aggiunge la scelta di lasciare in panchina il capitano Giandonato.

Quattro under partono titolari: in porta Furlanetto, i due centrali sono Gasbarro e Spedalieri, gli esterni difensivi Santi a destra e Pistolesi (classe 2005 e prodotto del vivaio della Fermana) a sinistra, i mediani Fontana e Scorza, più avanti Misuraca che indossa la fascia di capitano con esterni avanzati Eleuteri a destra e Tilli a sinistra, Semprini punta centrale; di fatto un 4-2-3-1.
Un'impostazione inattesa e anomala ma che nel primo tempo dà ragione all'allenatore gialloblù che, a parte le scelte forzate, dopo molte settimane ha avuto il coraggio di rinunciare al capitano Giandonato che quest'anno è parso più dannoso che utile alla squadra, con il suo eccessivo nervosismo e con le tante palle, spesso sanguinose, perse a centrocampo.

L'esclusione dei quattro "senior" deve essere stato un segnale chiaro agli altri giocatori che quasi sicuramente grazie a tutto questo (e non sarà neanche mancato un chiarimento dialettico nei giorni precedenti tra giocatori e staff tecnico), hanno ritrovato attenzione e concentrazione, spirito e voglia di lottare su tutti i palloni.
Al contrario le indiscrezioni di stampa sull'avvio di trattative concrete per la cessione della società, che la prossima settimana dovrebbero vedere altri passi, non hanno avuto alcun effetto negativo sulla squadra, anzi forse…

La Fermana ovviamente resta all'ultimo posto, a -5 dalla penultima e a -8 dalla quota salvezza.
Domenica prossima trasferta a Lucca (contro la Lucchese che avrà una partita in più nelle gambe perché tra due giorni gioca contro la Juve NG). La truppa di Protti torna al “Recchioni” sabato 16 contro la Juventus Next Generation.

CRONACA
Nel primo scorcio di partita si vede la Fermana attentissima su tutti i palloni, padrona delle seconde palle, con giocatori ravvicinati che si aiutano tra loro e pronti sempre a supportare il portatore di palla. Praticamente quello che nelle prime 15 partite di campionato si era visto solo con Ancona e Pontedera.
Se aggiungiamo che la vicecapolista Torres (proprio ieri il Cesena vincendo l'ha superata in testa alla classifica) che forse ha affrontato la partita sotto gamba, immaginando di incontrare una squadra già arresa, nel primo tempo non si riesce a capire chi è la seconda in classifica e chi è l'ultima.
Così facendo dopo solo un quarto d'ora la Fermana sblocca e passa in vantaggio con Misuraca che ribatte in rete in mischia dopo una punizione ben battuta da Fontana, 1-0. Per Gianvito è il terzo centro personale in questo torneo, potevano essere quattro senza il rigore sbagliato.

La Torres si rende davvero pericolosa una sola volta con Furlanetto pronto, mentre i gialloblu diverse volte si rendono insidiosi in ripartenza o con azioni di attacco manovrate con gli esterni Eleuteri e Tilli che tengono in apprensione la difesa rossoblù, peccato che il centravanti Semprini è totalmente annullato dai centrali difensivi sardi.
Nel finale di tempo assistiamo addirittura ad una Fermana che fa pressing alto, ruba palla sulla trequarti avversaria (cose mai viste, di solito la perde) e nel recupero protesta per un possibile rigore su Tilli. Torres non pervenuta e l'ex Fischnaller a secco, per lui solo un gol annullato per fuorigioco sull'1-0.

Nel secondo tempo la squadra sarda rientra in campo con ben altro piglio, c'era da attenderselo, e all'11' pareggia con Ruocco autore di un bel controllo al volo e diagonale in elegante girata: 1-1. Per Ruocco 7° centro stagionale e posizione di capocannoniere dei suoi sopra a Fischnaller. Chi si aspetta il colpo di grazia della Torres resta deluso, anzi è la Fermana a pressare ancora alto e prima della mezz'ora protesta per un altro fallo in area, questa volta su Semprini, per l'arbitro è fallo in attacco. Di nuovo Torres e Ruocco ci riprova, Furlanetto respinge. A terminare in avanti è la Fermana con una punizione dal limite che Fontana manda di poco alta all'ultimo minuto di recupero.
Tutti i tifosi sperano che quella di oggi sia stata la partita della svolta, attesa da troppo tempo e da domenica prossima non si torni di nuovo al passo del gambero.

FERMANA (4-2-3-1): Furlanetto; Santi, Spedalieri, Gasbarro, Pistolesi; Scorza, Fontana; Eleuteri (43' st Pinzi), Misuraca, Tilli; Semprini (36’ st Paponi). A disp. Borghetto, Mancini, Fort, Curatolo, Biral, Giandonato, Grassi, Gianelli. Allenatore: Stefano Protti.

TORRES (3-4-1-2): Zaccagno; Idda (1’ st Goglino), Antonelli, Fabriani; Zecca (32’ st Menabò, Giorico (43’ pt Cester), Mastinu, Liviero; Ruocco; Scotto, Fischnaller. A disp. Garau, Petriccione, Pinna, Kujabi, Masala, Siniega, Nunziatini, Lora, Mandrelli, Menabò, Pelamatti. Allenatore: Alfonso Greco.

ARBITRO: Galipò di Firenze (Giorgio Ravera di Lodi, Marco Cerilli di Latina, Alessandro Recchia di Brindisi).

RETI: 15’ pt Misuraca, 11’ st Ruocco

NOTE: ammoniti Idda, Santi, Fontana, Giorico, Zecca, Semprini, Antonelli, Misuraca, Cester, Fabriani; angoli 1-4; recuperi 2+4; spettatori in totale 1015 di cui 46 ospiti, incasso 5158,28 euro, rateo abbonamenti 3623,28 euro.


ARTICOLI CORRELATI

https://www.viverefermo.it/2023/12/03/testacoda-tra-fermana-e-torres-lavorando-alla-vendita-societaria/218026/

https://www.viverefermo.it/2023/12/04/porte-di-casa-fermana-aperte-per-ospitare-la-cavalcata-dellassunta/218419/

https://www.viverefermo.it/2023/11/30/due-imprenditori-locali-pronti-a-prendere-la-fermana-sabato-lincontro/215905/

https://www.viverefermo.it/2023/11/26/fermana-continua-lagonia-e-da-rimini-arriva-la-10-sconfitta-1-0/213496/

https://www.viverefermo.it/2023/11/20/fermana-non-bastano-nemmeno-due-gol-vince-larezzo-2-3/208944/

https://www.viverefermo.it/2023/11/14/fermana-tubaldi-si-dimesso-galassi-diventa-dg-e-torna-andreatini-ds/204587/

https://www.viverefermo.it/2023/11/13/fermana-impalpabile-sconfitta-anche-dal-sestri-e-affonda-in-classifica/204246/

https://www.viverefermo.it/2023/11/07/fermana-bella-ma-non-punge-e-il-pineto-la-punisce-2-0/200579/

https://www.viverefermo.it/2023/10/30/la-fermana-ritrova-attributi-orgoglio-e-strappa-un-pari-allancona-sfiorando-la-vittoria/195205/

https://www.viverefermo.it/2023/10/29/ecco-perch-la-fermana-ce-la-pu-ancora-fare/194445/


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.


Questo è un articolo pubblicato il 03-12-2023 alle 15:49 sul giornale del 04 dicembre 2023 - 1098 letture


Paolo Bartolomei




qrcode