x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPORT
articolo

Testacoda tra Fermana e Torres, lavorando alla vendita societaria

5' di lettura
848

di Paolo Bartolomei
fermo@vivere.it


FERMO - Dopo le "frustate" settimanali dei due direttori, i gialloblù non vogliono fare la parte della vittima predestinata contro la vicecapolista. Difesa da ridisegnare, out anche Montini. 10° Memorial Mario Rossetti. Sul passaggio di proprietà forse questa volta si fa sul serio, ma dipende solo dai pretendenti acquirenti.

16° di andata di serie C, si gioca allo stadio Recchioni domenica alle ore 14. La squadra di Sassari è in testa insieme al Cesena, risulta seconda in classifica solo per differenza reti (lo scontro diretto si giocherà alla vigilia di Natale), la Fermana è ultima con numeri inguardabili.
Nonostante ciò i canarini non vogliono essere la vittima predestinata dei colpi dell'ex Fischnaller, capocannoniere dei sardi insieme a Ruocco (6 gol a testa). Le "frustate" settimanali del ds Andreatini (che ha comunicato a Padella, Calderoni e Laverone che non saranno più convocati) e quelle del dg Galassi (risoluzione contrattuale col responsabile del settore giovanile Vessella, che probabilmente si porterà via anche il figlio, il quale comunque non era convocato già da diverse settimane) dovrebbero servire come ultimo e disperato tentativo non solo per attuare l'ennesima riorganizzazione interna, ma soprattutto per dare una vera scossa allo spogliatoio e cercare di far tirar fuori dai giocatori quello spirito battagliero che finora è mancato quasi sempre, tranne qualche sprazzo in poche partite.

Con l'esclusione dei tre sopra restano solo due difensori centrali titolari, Gasbarro e Spedalieri, il secondo under come Santi e Fort (quest'ultimo comunque pure non convocato da alcune settimane). Scontato l'utilizzo sull'out destro di Eleuteri, sulla sinistra resta solo l'under Pistolesi, a meno che Protti non voglia confermare la difesa a tre (sarebbero Gasbarro, Spedalieri e Santi) con un centrocampo a cinque (con a destra Eleuteri e a sinistra Pistolesi o qualcun altro, il resto potrebbe essere confermato quanto visto a Rimini sabato scorso salvo il centravanti Montini che resta ai box per un problema fisico).

Novità anche per il preparatore atletico, dopo l'epurazione di Spinoglio, è stato ufficializzato l'incarico a Maurizio Di Renzo, 57 anni di San Benedetto (foto in basso), peraltro arrivato già da alcuni giorni. Preparatore atletico di lungo corso e di quale si parla bene come capacità, vanta moltissime esperienze anche nella massima serie: ha lavorato tra le altre con formazioni quali Giulianova, Pescara, Ascoli, Cagliari, Livorno, Palermo, Lecce, Brescia, Novara, Udinese e Crotone.

I 21 CONVOCATI DELLA FERMANA
PORTIERI: Borghetto, Furlanetto, Mancini;
DIFENSORI: Biral, Eleuteri, Fort, Gasbarro, Pistolesi, Santi, Spedalieri;
CENTROCAMPISTI: Fontana, Giandonato, Gianelli, Misuraca, Pinzi, Scorza;
ATTACCANTI: Curatolo, Grassi, Paponi, Semprini, Tilli.

VENDITA SOCIETARIA: QUESTA VOLTA SI FA SUL SERIO

Nel frattempo come accennato nei giorni scorsi si sta lavorando al passaggio della proprietà societaria nella speranza di dare al sodalizio una nuova forza che possa far provare a riacciuffare la salvezza nelle partite che restano da giocare che sono ancora tante (23 compresa quella di domani) e che farebbero apparire colmabili i 9 punti che separano oggi la Fermana dalla zona salvezza se da gennaio si dovesse riuscire ad innescare un ritmo partita opposto a quello che ha caratterizzato questo girone di andata.

In merito alle trattative, questa volta si fa sul serio anche perché è evidente che i Simoni (da settembre proprietari al 100% delle quote) non hanno alcuna alternativa, tutti i riassetti societari e organizzativi degli ultimi mesi, che andavano comunque fatti (soprattutto la concentrazione delle quote in un'unica mano) non hanno dato i frutti sperati. Gestire una società di calcio professionistico di serie C è molto complicato, e se hai anche un debito enorme come quello della Fermana che ti zavorra la gestione mensile, rendendo impossibili tante scelte e tante manovre, è ancora più difficile.

La domanda che sorge spontanea è chi e perché può essere interessato ad entrare in una società con la squadra ultima in classifica, che dovrà compiere un miracolo sul campo per agganciare gli spareggi salvezza, che ha oltre due milioni di euro di debiti e le trattative con i creditori che ancora non sono state definite.
Se i pretendenti acquirenti, che fortunatamente sono prevalentemente imprenditori locali, accetteranno di sobbarcarsi questa avventura presto lo chiederemo direttamente a loro.

SQUADRA ARBITRALE
Domani dirige Simone Galipò di Firenze. Due i precedenti con la Fermana: nella stagione 2020-2021 Fermana-Cesena 2-1 (doppietta di D'Anna) e la scorsa stagione Reggiana-Fermana 4-2 (gol gialloblù di Maggio e Fischnaller). Sarà coadiuvato dagli assistenti di linea Giorgio Ravera di Lodi e Marco Cerilli di Latina e dal quarto ufficiale di gara Alessandro Recchia di Brindisi.


QUATTRO PRECEDENTI: A FERMO 3 VITTORIE CANARINE
A Fermo contro la Sassari Torres ci sono stati tre successi canarini ed una sconfitta, per cui al Recchioni manca ancora il pari. Il primo incontro si è giocato nella stagione 2000-01 (serie C1). I gialloblù vinsero per 3-0 (gol di Perra e doppietta di Luca Bonfanti). Nella stagione successiva, stessa categoria, l’ex Pandolfi regalò ai sardi il successo al Recchioni (0-1), Nel 2002-03, sempre C1, successo canarino in casa (1-0, Luca Bonfanti), poi venti anni senza mai incrociarsi.
Le due squadre si ritrovano insieme nella passata stagione in serie C: la Fermana si impone ancora per 1-0 (primo gol di Matteo Maggio).


10° ANNIVERSARIO DALLA MORTE DI MARIO ROSSETTI

Arriva la capolista Torres in occasione del 10° Memorial in ricordo di Mario Rossetti, cuore gialloblù e storico giornalista sportivo del Corriere Adriatico e di Radio Fermo Uno (foto in basso). Sono già passati dieci anni dalla sua morte prematura, ovvero da quella mattina del 1 dicembre del 2013. Con lui se ne sono andati 40 anni di storia gialloblù, fatta di interviste, articoli, notiziari, dibattiti e radiocronache.

Nei precedenti nove Memorial in campionato la Fermana ha raccolto tre vittorie, due pareggi ed una sola sconfitta: come dire che, quando i punti contano veramente per la classifica, Mario ci ha sempre dato una mano da lassù.

ARTICOLI CORRELATI

https://www.viverefermo.it/2023/11/30/due-imprenditori-locali-pronti-a-prendere-la-fermana-sabato-lincontro/215905/

https://www.viverefermo.it/2023/11/26/fermana-continua-lagonia-e-da-rimini-arriva-la-10-sconfitta-1-0/213496/

https://www.viverefermo.it/2023/11/20/fermana-non-bastano-nemmeno-due-gol-vince-larezzo-2-3/208944/

https://www.viverefermo.it/2023/11/14/fermana-tubaldi-si-dimesso-galassi-diventa-dg-e-torna-andreatini-ds/204587/

https://www.viverefermo.it/2023/11/13/fermana-impalpabile-sconfitta-anche-dal-sestri-e-affonda-in-classifica/204246/

https://www.viverefermo.it/2023/11/07/fermana-bella-ma-non-punge-e-il-pineto-la-punisce-2-0/200579/

https://www.viverefermo.it/2023/10/30/la-fermana-ritrova-attributi-orgoglio-e-strappa-un-pari-allancona-sfiorando-la-vittoria/195205/

https://www.viverefermo.it/2023/10/29/ecco-perch-la-fermana-ce-la-pu-ancora-fare/194445/






Questo è un articolo pubblicato il 02-12-2023 alle 12:32 sul giornale del 03 dicembre 2023 - 848 letture


Paolo Bartolomei




qrcode