x

SEI IN > VIVERE FERMO > CRONACA
articolo

“Non c’era mai stato un vento così forte”. Nell’Alto Fermano raffiche senza sosta

2' di lettura
3196

di Lorenzo Cortellucci


Diramata l’allerta dalla Regione. Particolarmente interessata la zona montana. Oltre 300 le chiamate ai Vigili del fuoco tra segnalazioni e interventi. Situazione che resta sotto controllo, ma la maggior attenzione è rivolta a chi si metterà in strada nelle prossime ore. Detriti, fogliame e rami di grosse dimensioni sulle carreggiate.

Sembra che il vero inverno sia ormai lontano anni luce, tanto alte sono le temperature di questi giorni, con picchi di 20° gradi addirittura nei Comuni montani. A tenere alta l’attenzione, però, ci pensa il forte vento che dal tardo pomeriggio di ieri si è abbattuto sull’intera Regione Marche.

Raffiche di grave intensità non hanno mai cessato di soffiare su tutto il territorio provinciale, con le aree interne particolarmente interessate dal fenomeno ventoso. Tra Smerillo, Montefalcone, Monte San Martino e Amandola la nottata è stata caratterizzata da un vento di intensità quasi da record storico.

“Non si era mai vista una cosa del genere. Un vento così forte qui non c’era mai stato” ci hanno raccontato alcuni cittadini, impressionati dalla forza delle raffiche. Tante le segnalazioni ai Vigili del Fuoco, ma fortunatamente nulla di grave. Solo rami di grandi dimensioni, fogliame e detriti sulle carreggiate, ma nessun danno o problematiche di altro genere.

Tuttavia, il fenomeno ventoso non si arresta. La Regione, infatti, ha diramato un’allerta fino alla nottata del 3 dicembre, considerando le raffiche accompagneranno l’intero weekend senza dare sosta. Un occhio di riguardo per le strade delle aree interne e le vie cosiddette ‘di campagna’, dove piante e fogliame la faranno da padroni. Particolare attenzione dovranno prestare gli automobilisti che si metteranno in strada nelle prossime ore, visto che il vento non cesserà.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.




Questo è un articolo pubblicato il 02-12-2023 alle 11:37 sul giornale del 03 dicembre 2023 - 3196 letture






qrcode