x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Al via l’edizione 2023 delle Giornate Fai per le scuole

5' di lettura
34

da FAI
Fondo Ambiente Italiano


Un grande evento nazionale, una settimana dedicata agli studenti e alle scuole per educare le giovani generazioni alla bellezza e alla cultura della salvaguardia dell’immenso patrimonio artistico e culturale di cui il nostro Paese è ricco.

Ecco presentata con poche ma essenziali pennellate l’edizione 2023 delle Giornate Fai per le scuole, l’iniziativa organizzata con il patrocinio della Commissione Europea e del Ministero della Cultura che guarda, appunto, al domani, alle generazioni del futuro e alla cultura del rispetto dei beni artistici presenti sul nostro territorio. Una settimana, quella dal 20 al 25 novembre 2023, di visite scolastiche organizzate per scoprire i beni spesso sconosciuti della nostra realtà locale, nel corso delle quali gli Apprendisti Ciceroni, alunni appositamente preparati dai loro docenti, hanno condotto i loro colleghi di altre classi alla scoperta delle bellezze del nostro Paese. Una formula speciale e coinvolgente, pensata per offrire agli studenti di ogni ordine e grado un’esperienza indimenticabile di educazione tra pari, per scoprire il patrimonio di storia, arte e natura italiano, all’insegna dei tre principi dell’educazione, della scoperta e della conoscenza, quanto mai essenziali per preparare le future generazioni al domani. Anche per questa edizione, così come per quelle degli anni passati, grande è stata la partecipazione delle scuole e degli studenti della provincia di Fermo, grazie al supporto di molti partner come i vari Comuni che hanno aderito all’iniziativa, l’Arcidiocesi di Fermo, la cooperativa Maggioli e i Volontari del FAI. Moltissime le classi coinvolte in tutto il territorio, animatrici delle visite organizzate presso diversi beni culturali e ambientali: - Nel comune di Montegranaro, gli alunni delle classi I A, I B, I C e I D dell’Istituto comprensivo Annibal Caro hanno rivolto la loro attenzione all’antico lavatoio della città, all’ex ospedale e al convento agostiniano, alla torre dell’Annunziata e alla Chiesa di San Pietro Apostolo. - A Fermo le aperture hanno interessato le Chiese di Sant’Agostino, di Santa Maria a Mare, di San Zenone e quella di San Francesco con annesso l’ex convento dei frati cappuccini. Visite guidate degli Apprendisti Ciceroni anche a Palazzo dei Priori, al Duomo, alla Piazza del Popolo e, in zona Capodarco, alla Chiesa di Santa Maria con la pala del Crivelli. Le aperture di Fermo sono state garantite dalle classi II E e II F dell’Istituto comprensivo "Da Vinci" - sezione di Torre di Palme, dalle classi II A, II B, II C, II D, II G dell’Istituto comprensivo "Da Vinci", dalle

classi seconde dell’Istituto comprensivo “Ugo Betti” e dalle classi prime dell’Istituto comprensivo “Fracassetti” – sezione di Capodarco. - A Porto San Giorgio, protagoniste sono state la Rocca Tiepolo, l’antico Cimitero settecentesco, il Teatro comunale e Villa Bonaparte, visitabili grazie alle classi II A, II B, II C, II D e II G dell’Istituto comprensivo “Nardi”. - A Monte Urano, gli alunni delle classi II A, II B e II C dell’Istituto Comprensivo della città hanno messo in mostra il Palazzo municipale, Piazza della Libertà e l’adiacente Chiesa di San Michele Arcangelo; - A Montottone, protagonista l’intero borgo e il paesaggio circostante, grazie agli alunni dell’Istituto comprensivo di Petritoli, che hanno rivolto la loro attenzione anche ai panorami offerti dalla loro Petritoli. Ad opera delle classi II e III della scuola secondaria di primo grado sempre dell’IC di Petritoli sono state garantite anche le visite al castello e alla Chiesa di Ponzano di Fermo. - A Monterubbiano gli alunni dell’Istituto comprensivo “Vincenzo Pagani” hanno invece aperto Teatro Pagani e Palazzo Calzecchi Onesti. - Con Moresco e Pedaso si conclude la rassegna dei luoghi toccati da questa edizione delle Giornate Fai per le scuole, grazie agli alunni dell’Istituto comprensivo “Pagani", con le classi terze che si sono occupate delle visite al borgo e al castello di Moresco e con le classi II A, II B e II C che hanno invece aperto ai colleghi le porte del Museo della Stampa a portata di mano”, nella città di Pedaso. Organizzatrice dell’iniziativa nella provincia di Fermo è stata Matilde Coccia, dal 2018 Delegata responsabile delle Scuole per la Delegazione FAI di Fermo. E’ stato suo l’onere e l’onore di organizzare l’iniziativa coordinando le aperture, le scuole e i volontari, sottolineando a fine evento “il ruolo educativo dell’esperienza, sia dal punto di vista culturale che di quello psicologico e personale. Un’iniziativa del genere consente infatti ai giovani Apprendisti Ciceroni – ha spiegato Coccia - di acquisire consapevolezza e fiducia in sé stessi mentre si sperimentano in un compito difficile e realizzano una vera e propria prova di competenza, quanto mai necessaria per verificare, nella realtà, quello che si apprende in teoria. Per questo, un sentito grazie va rivolto a tutti i docenti che hanno reso possibile questa splendida settimana di formazione e crescita collettiva”. Le classi che hanno partecipato si sono iscritte al FAI come “Classi Amiche” ricevendo vantaggi e opportunità per docenti e studenti: ingressi nei Beni FAI, partecipazione e premi per il concorso nazionale, convenzioni con 1800 luoghi di cultura in tutta Italia e tanto altro.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-12-2023 alle 13:02 sul giornale del 03 dicembre 2023 - 34 letture






qrcode