x

SEI IN > VIVERE FERMO > POLITICA
articolo

Ortezzano ha la sua nuova Piazza. Funzionale, moderna, accogliente, su misura per cittadini e turisti

5' di lettura
934

di Lorenzo Cortellucci


Riqualificazione e rigenerazione portate a termine. Piazza Giampaoli cambia pelle e diventa contenitore a cielo aperto per turismo, eventi e vita comunitaria. Con un contributo di circa 500.000€, proveniente dai fondi Pnc sisma, effettuati interventi di miglioramento della sostenibilità ambientale e sociale. Sindaco Piermarini: “Collante perfetto tra la arte nuove dell’abitato urbano ed il centro storico. Sarà il fulcro di Ortezzano”. Castelli: “Un’opera pubblica che dimostra come le risorse siano state usate nel migliore dei modi”.

Un piccolo gioiello, anzi un vero e proprio diamante. È così che si presenta la rinnovata piazza di Ortezzano, un colpo d'occhio sorprendente che miscela insieme funzionalità, innovazione e armonia urbana, per uno spazio che diventa fulcro della vita sociale, turistica e residenziale del Comune fermano.

La piazza è stata inaugurata alla presenza del Commissario Ricostruzione Guido castelli, del Prefetto di Fermo Rocchegiani, del Presidente provinciale Ortenzi e Questore di Clemente. Presenti anche il Consigliere Regionale Marinangeli ed il Presidente di Marca Fermana Luca Pezzani. Immancabili le forze dell'ordine ed ulteriori autorità del territorio. A fare gli onori di casa il Sindaco Carla Piermarini, accompagnata dal Vicesindaco Acciarri.

Dopo aver tagliato il nastro, visibilmente soddisfatta ed emozionata, la Prima Cittadina di Ortezzano ha dato il benvenuto a tutti nella nuova Piazza, sottolineando l’importanza dell’opera per l’Amministrazione e la comunità. “Fin dal primo giorno del nostro insediamento, abbiamo lavorato per vedere questi lavori terminati e per restituire ai cittadini un luogo così importante. Con una riqualificazione e rigenerazione così approfondite, la Piazza si fa ancora di più collante tra la parte nuova dell’abitato urbano ed il centro storico. È il fulcro della nostra vita sociale ed inoltre uno spazio per il turismo”.

Gli interventi, per un totale di circa 500.000€, sono stati realizzati grazie ai fondi Pnc Sisma e figura fondamentale in questo iter è stato il Commissario Ricostruzione Guido Castelli: “Le risorse sono state utilizzate in maniera appropriata e tempestiva. Questi contributi sono stati messi in campo dallo stato per rigenerare gli standard comunitari dei Borghi danneggiati dal sisma. Ortezzano ha colto a pieno la finalità del Pnc e con un’opera studiata alla perfezione ha rispettato tempistiche e requisiti, realizzando un Piazza che a colpo d’occhio è stupenda – sottolinea Castelli - Individuare una piazza e farne fulcro della vitalità cittadina, era questo lo scopo dei fondi governativi. Di sicuro, non mancheranno iniziative che nasceranno da questa nuova disponibilità della Piazza. Più un ambiente è armonico, maggiormente è vissuto bene dai cittadini”.

Fanno da eco il Prefetto di Fermo ed il Presidente della Provincia, che ribadiscono la grande capacità nel gestire i fondi da parte dell’amministrazione di Ortezzano e la delicatezza come caratteristica regina della nuova Piazza. Intesa vincente tra Comuni, Governo e Istituzioni, su questo si sofferma il Consigliere regionale Marinangeli: “Questa è la certificazione di quando le istituzioni fanno politica intesa come interesse della collettività. Qui la filiera ha funzionato al meglio, dal Comune al Commissario per la Ricostruzione fino ai fondi governativi. Tutti hanno lavorato bene. L’opera vuol dire soprattutto socialità rinnovata e accoglienza, attrattività portata al massimo”.

Andando in medias res, ecco un excursus riguardo lavori, interventi e nuova vita di Piazza Giampaoli: “L'abbiamo scelta per la sua collocazione, perché centrale tra area moderna e centro storico – ribadisce il Sindaco - Circa 1500 i metri quadri, che fino ad oggi venivano utilizzati solo come parcheggio. L’intervento ha portato ad un miglioramento per la sostenibilità ambientale e sociale, quindi la Piazza potrà accogliere, cittadini, passanti e turisti, potrà essere utilizzata con più modalità”.

Lavori mirati e funzionali: “Abbiamo effettuato la depavimentalizzazione, togliendo la superfice precedete e sostituendola con materiali tipici del territorio. C’è anche una ‘piazza nella piazza’ con sestini in cotto. Inoltre, i materiali della demolizione sono stati riutilizzati come massicciata per il nuovo pavimento – spiega Carla Piermarini - Efficientato l’impianto di illuminazione, anche le panchine sono state illuminate. Tutto il complesso ha lampadine a led. La finalità era ridurre al minimo il consumo energetico e ci siamo riusciti”.

Green corner e sedute ricche di storia e cultura: “Realizzati anche spazi verdi con nuove piantumazioni di alberi, aiuole fiorite e per la gioia di tutti abbiamo conservato le storiche piante di Ortezzano, ovvero la magnolia ed il cedro – afferma con orgoglio Carla - Sempre per una maggiore sostenibilità ambientale, è stata realizzata una raccolta delle acque piovane, che saranno dirottate dentro un serbatoio e poi andranno ad alimentare le zone verdi. In altre parole, è un impianto di subirrigazione. Prestata grande attenzione ai disabili con accessi facilitati ed un apposito ascensore. Riguardo l’arredo urbano, rinnovati i cestini e istallate panchine in travertino, sulle quali sono state incise frasi in latino in onore di Giuseppe Carboni, storico concittadino che fu uno dei più importanti latinisti di sempre, autore del celebre vocabolario a due mani ‘Campanini-Carboni’ – conclude il Sindaco - La volontà era proprio quella di inserire questa Piazza in quella che era la storia di Ortezzano, per questo, oltre a frasi di poeti celebri come Virgilio o Orazio, abbiamo inciso anche frasi di San Girolamo, nostro patrono e protettore dei traduttori”.

Applausi, quindi, ad Ortezzano e tanto di cappello all’Amministrazione Comunale che, non solo offre ai cittadini una Piazza rinnovata, ma ha dato vita ad un contenitore a cielo aperto per turismo, eventi e vita comunitaria.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.




Questo è un articolo pubblicato il 02-09-2023 alle 07:58 sul giornale del 03 settembre 2023 - 934 letture






qrcode