x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
articolo

Porto Sant’Elpidio celebra il pesce azzurro dell’Adriatico: torna la tradizionale Sagra de lu Scottaditu

3' di lettura
2194

da Roberta Ripa

fermo@vivere.it


Il 5, 6, 7 e 8 agosto torna la storica manifestazione gastronomica elpidiense che ha come protagonista il sardoncino “scottadito” adriatico. Alle consuete tre serate, quest’anno se ne aggiunge una quarta dedicata ai più giovani, per cercare di avvicinare anche le nuove generazioni all’evento.

Appuntamento con la tradizione il prossimo 5, 6, 7 e 8 agosto all'area ex Orfeo Serafini, a Porto Sant’Elpidio. Torna infatti la Sagra de lu Scottaditu, storica manifestazione gastronomica dedicata al pesce “povero” dell’Adriatico, il sardoncino. Marinato, al forno, gratinato, con deliziose salsine o ‘a scottaditu’: sono mille le declinazioni di questo pesce versatile e dalle eccellenti proprietà nutritive, da sempre pescato in abbondanza nelle acque dell’Adriatico e per questo ritenuto una delle varietà “povere”. Un pesce che è stato da sempre pescato anche a Porto Sant’Elpidio, sin da quando la città era solo un piccolo borgo di pescatori: questa specie assume quindi valenza maggiore, perché è, per gli elpidiensi, simbolo di tradizione e di radici. Ed è in nome di tutto questo che la Pro Loco cittadina, guidata da Daniela Piergentili, rinnova anche quest’anno l’appuntamento con la manifestazione, divenuta ormai uno degli appuntamenti fissi dell’estate portoelpidiense.

Quattro i giorni di manifestazione, eccezionalmente uno in più rispetto al solito per inserire una serata dedicata a un pubblico più giovane “con lo scopo di far avvicinare anche le nuove generazioni a eventi che ci legano alla nostra tradizione, proprio come questo”, spiega l’assessore a Cultura e Turismo, Elisa Torresi. Nella cornice del Ristorante La Perla sul Mare, dove l'edizione 2023 è stata presentata ufficialmente con tanto di show-cooking, è il sindaco Massimiliano Ciarpella a fare gli onori di casa, ricordando la valenza storico-culturale dello ‘scottadito’: “la manifestazione ci lega alle nostre radici, a quando Porto Sant’Elpidio non era che un piccolo borgo di pescatori: un legame con la nostra storia, dunque, ma anche con il territorio e che oggi, grazie alla Pro Loco, viene portato avanti. Senza dimenticare il valore socio-culturale, perché si promuove un’alimentazione salutare, con il pesce azzurro che è uno degli alimenti con le migliori proprietà nutritive”, spiega il sindaco, rinnovando il supporto dell'amministrazione all’evento. Supporto ribadito anche dal vicesindaco Andrea Balestrieri, presente insieme al resto della giunta all'evento: “una manifestazione a cui sono particolarmente affezionato, a cui alcuni anni fa ho preso parte in prima persona”, ricorda Balestrieri, “è una sagra che attrae un pubblico numeroso e di varie fasce d'età, e che fa conoscere un aspetto differente della nostra Porto Sant'Elpidio, quello della gastronomia che affonda le radici nella nostra tradizione”, puntualizza. Torna poi ad approfondire le proprietà nutritive dello ‘scottadito’ la nutrizionista Laura Calza, anche lei intervenuta alla presentazione dell’evento; “il sardoncino ha, innanzitutto, i grassi detti Omega3, fondamentali, tra le altre cose, per il loro potere antinfiammatorio e per la prevenzione delle malattie cardiovascolari; è poi un alimento altamente proteico, con proteine di altissima qualità e ricche di amminoacidi essenziali. Il sardoncino, come tutti i pesci azzurri, si vende a buon mercato e ha inoltre pochissime controindicazioni”. Dopo averne decantato proprietà e storia, Daniela Piergentili passa quindi a una piccola dimostrazione pratica di come pulire il sardoncino a seconda del tipo di cottura previsto; i piatti pronti vengono quindi messi a disposizione dei presenti per una piccola degustazione.

Il programma.

5 agosto: musica con Fabrizio e Raffaela

6 agosto: musica con Il Massimo del Liscio

7 agosto: cover band 60-70-80, Hold House Music

8 agosto: musica live con Autodidatta Se Docet Band



È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.




Questo è un articolo pubblicato il 01-08-2023 alle 01:49 sul giornale del 02 agosto 2023 - 2194 letture



qrcode