x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
articolo

Porto San Giorgio: donato un faro da campo alla Protezione Civile

2' di lettura
124

di Luigi De Signoribus

fermo@vivere.it


Presso la sede dell’associazione Liberi nel Vento di Porto San Giorgio, la società Energean ha donato un faro da campo al gruppo della Protezione Civile per agevolare le operazioni di intervento.

A presenziare all’evento, oltre ai corpi della marina e dei carabinieri, il Distretto 108 A di affiancamento alle operazioni di intervento della Protezione Civile e il Lions Club di Fermo, anche l’amministrazione Comunale nella persona del Sindaco Valerio Vesprini, i referenti di Energean Marcella Semenza e Alfredo Properzi e il coordinatore della protezione civile Luciano Pazzi che spiega nel dettaglio le caratteristiche tecniche della donazione ricevuta: “La torre faro si può estendere in altezza per massimo 8 metri e può illuminare 5.000 metri quadrati di superficie. Può generare un kw e mezzo di potenza, ha una autonomia di circa 200 ore e si aziona automaticamente con il crepuscolare, ovvero si accende con l’abbassamento della luce. Uno strumento davvero utile per il territorio in caso di necessità poiché verrà utilizzato per situazioni di emergenza”.

La donazione risulta molto gradita poiché si inserisce in un contesto particolare, che vede manifestarsi le conseguenze derivanti dall’incendio dell’auto parco, ora sotto sequestro, avvenuto diversi mesi fa in cui sono andati distrutti non solo parte dei mezzi pubblici, ma anche strumenti utilizzati per le operazioni di intervento della Protezione Civile sul territorio. “La vicinanza – le parole del primo cittadino – verso la Protezione Civile e il suo gruppo di volontari si fa sentire rispetto all’evento increscioso accaduto. Vedere 25 anni di strumenti ancora funzionanti andare bruciati non è una cosa piacevole. Ma il lavoro che la Protezione Civile svolge viene riconosciuto sempre e questa donazione ne è la prova, la testimonianza del vostro intervento. Orgoglioso di avere un gruppo così operativo”. Dello stesso parere anche i referenti della società Energean di Milano Marcella Semenza e Alfredo Properzi, i quali, di concerto, vogliono sottolineare l’importanza del donare: “La macchina ricevuta è uno strumento di eccellenza che potrà fare davvero la differenza nei momenti difficili”.

D’obbligo è stato, certamente, il taglio del nastro che ha sancito, di fatto, un nuovo punto di partenza per l’operato della Protezione Civile, pronta ora ad agire sul campo con più praticità e sicurezza.





Questo è un articolo pubblicato il 01-08-2023 alle 12:15 sul giornale del 02 agosto 2023 - 124 letture



qrcode