x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPORT
articolo

Fermana, si comincia a vedere la luce in fondo al tunnel

3' di lettura
1532

di Paolo Bartolomei
fermo@vivere.it


FERMANA - Si avvicina l'inizio del raduno con 11 giocatori tesserati a cui saranno aggregati alcuni Primavera. Allenatore in bilico ancora per pochi giorni. Si lavora per l'arrivo di nuovi investitori (ma non quelli della cordata di Andrea Gianni) e un grosso sponsor fermano-abruzzese.

Tornato dalla breve vacanza, il direttore generale della Fermana Andrea Tubaldi domani sarà pienamente operativo in società. A quel punto dovrebbe esserci un'accelerazione per la partenza della nuova stagione 2023-24.
Sarà fissata la data del raduno che potrebbe essere già il prossimo weekend o pochissimo dopo, saranno convocati gli 11 giocatori attualmente sotto contratto della Fermana cioè i difensori Eleuteri, Spedalieri, De Pascalis e Diouane (questi ultimi due reduci da importanti interventi chirurgici al ginocchio), i centrocampisti Giandonato, Graziano, Scorza, Pinzi e Vessella, gli attaccanti Fischnaller e Pampano. Oltre a questi saranno probabilmente aggregati alcuni tra i migliori giocatori della squadra Primavera.
Nè più né meno di quello che è successo lo scorso anno (ad agosto, però).

Meno certezza sull'allenatore. Come ripetuto più volte benché Protti abbia contratto anche per il prossimo anno, il rapporto fra le parti si era molto raffreddato. Ora secondo la notizie più recenti la Fermana avrebbe fatto qualche passo verso il mister offrendo un'integrazione al contratto.
L'interruzione anticipata del rapporto non converrebbe a nessuno dal punto di vista finanziario: alla Fermana perché dovrebbe pagare una corposa liquidazione al tecnico, a Protti perché dimettendosi perderebbe la liquidazione e tutti gli stipendi del secondo anno di contratto, cioè della prossima stagione. Tra pochissimi giorni sapremo come va finire sia la storia con Protti come quella con il ds Andreatini.

Tutte le decisioni però sono subordinate a qualche possibile novità societaria perché, se è vero che la trattativa con gli imprenditori romani rappresentati da Andrea Gianni può considerarsi definitivamente tramontata, la Fermana ha lavorato sottotraccia con possibili nuovi investitori che potrebbero entrare in società affiancando in un primo momento gli attuali soci e apportando subito capitale fresco.
Se questa operazione dovesse andare in porto a breve, i nuovi arrivati potrebbero anche voler prendere le decisioni di natura tecnica. Ciò non significa che Protti non possa essere comunque confermato anche per la prossima stagione, visto che nel campionato appena trascorso ha lavorato benissimo benché esordiente in serie C, con una squadra partita in ritardo e con molti giocatori debuttanti, e questo lo riconoscono tutti.

Possibile avvicinamento anche di uno sponsor forte, fermano-abruzzese, a cui i gialloblù hanno fatto la corte anche in passato, e i cui soci ai tempi della serie B erano tifosi e abbonati in curva.

In vista una schiarita anche sotto il profilo dei debiti perché c'è la possibilità di ottenere da Agenzie Entrate ed Enpals (i principali creditori della Fermana) uno stralcio fra il 50% e addirittura il 75%, pagando però il restante tutto subito e chiudendo la rateizzazione. La nuova Fermana 2.0 quindi partirebbe quasi totalmente risanata dei debiti e non è poco perché tutto ciò renderà più facile la gestione ordinaria che altrimenti era appesantita da una rata mensile di circa 50mila euro da pagare che avrebbe assorbito il grosso delle forze per andare avanti.

Un altro fronte da risolvere sarà quello dei rapporti col Comune perché sarà necessario arrivare ad una situazione in cui la Fermana non dovrà pagare per allenarsi sugli impianti di proprietà del Comune di Fermo (ad es. Postacchini di Capodarco) visto che le società che li gestiscono ricevono già a loro volta contributi da parte del Comune.
Infine occorre dare un'accelerata alla procedura con il Ministero per poter far partire i lavori di riqualificazione del centro sportivo ex Cops dove si possono ricavare due campi di allenamento che, insieme alla palestra già ristrutturata dal Comune, sarebbero fondamentali per rilanciare il settore giovanile gialloblù.

ARTICOLI CORRELATI

https://www.viverefermo.it/2023/07/08/fermana-anche-capitan-giandonato-verso-laddio-lo-vuole-la-samb/128239/

https://www.viverefermo.it/2023/07/01/la-fermana-ancora-in-serie-c-c-lok-delle-commissioni-ora-subito-lallenatore/120569/

https://www.viverefermo.it/2023/06/29/fermana-cordata-la-trattativa-prosegue-ma-incombono-covisoc-e-allenatore/119056/

https://www.viverefermo.it/2023/06/29/la-fermana-ha-vinto-il-45-trofeo-velox-una-speranza-per-il-futuro/118462/

https://www.viverefermo.it/2023/06/23/ecco-chi-il-capo-della-cordata-che-vuole-comprare-la-fermana/114935/

https://www.viverefermo.it/2023/06/22/vendita-fermana-si-fatto-vivo-un-avvocato-romano-ma-non-battaglioni/114345/

https://www.viverefermo.it/2023/06/21/fermana-depositato-tutto-il-necessario-per-liscrizione-in-serie-c/113543/

https://www.viverefermo.it/2023/06/10/fermana-il-dg-tubaldi-iscrizione-ok-ma-sono-preoccupato-per-il-dopo/106276/

https://www.viverefermo.it/2023/06/09/fermana-vecchiola-non-firma-la-fideiussione-scattato-il-piano-b/105072/



Questo è un articolo pubblicato il 10-07-2023 alle 19:29 sul giornale del 11 luglio 2023 - 1532 letture


Paolo Bartolomei




qrcode