x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPORT
articolo

Fermana, anche capitan Giandonato verso l'addio? Lo vuole la Samb

3' di lettura
2218

di Paolo Bartolomei
fermo@vivere.it


FERMO - La società gialloblù si chiude nel silenzio stampa, dopo aver perso tutti i giocatori in prestito, rischia di vedere partire anche i pochi calciatori contrattualizzati, il ds e l'allenatore. Mistero sulla trattativa di vendita e buio completo su ritiro e futuro.

Anche il capitano della Fermana Manuel Giandonato abbandonerà la navicella gialloblù?
Da San Benedetto arrivano voci secondo le quali il playmaker canarino sarebbe ambito dal nuovo patron rivierasco Angelini. Anche se si tratta di una categoria inferiore non è escluso che lo stipendio sarà uguale, o addirittura superiore, a quello che prenderebbe a Fermo l'anno prossimo considerando il forte ridimensionamento economico a cui sarà costretta la Fermana nel nuovo campionato.

Quella di Giandonato non sarebbe l'unica partenza tra i giocatori in forza alla Fermana nella stagione appena conclusa, visto che la maggioranza era in prestito, è già rientrata alle società di appartenenza e sarà estremamente difficile che qualcuno di loro torni.
Gli unici giocatori contrattualizzati anche per l'anno prossimo e quindi di proprietà della Fermana, nella prima squadra, sono, insieme a Giandonato, anche il capocannoniere Fischnaller, i giovani difensori Spedalieri ed Eleuteri, il lungodegente De Pascalis e i centrocampisti Scorza, Graziano e Pinzi. Oltre a questi ci sono tutti i giocatori della squadra Primavera e, ovviamente, del restante settore giovanile.

In questo momento però intorno alla Fermana c'è il buio completo. La società due giorni fa ha decretato il silenzio stampa per evitare che qualsiasi tesserato parli in quanto circolavano versioni diverse dei fatti in base a chi li riferiva. L'esperienza insegna che i silenzi stampa invece non servono a niente perché le notizie trapelano ugualmente.


In merito alla trattativa per la vendita della società con la cordata degli imprenditori immobiliari romani Giuseppe Mariani Ciaramaglia (presidente della Mari Group) e Moreschini (nessuna relazione con l'omonimo imprenditore edile fermano), rappresentati dall'avvocato laziale Andrea Gianni, sebbene le parti in via ufficiale hanno voluto far credere che la trattativa possa proseguire, in realtà da indiscrezioni emerge la non volontà da parte della Fermana di proseguire il negoziato con questi interlocutori poiché si cercano investitori più forti.

Resta il fatto che tutto è fermo, c'è la sensazione che l'allenatore Stefano Protti, che ha contratto anche per il prossimo anno, rinunci al notevole ridimensionamento tecnico-economico previsto per la prossima stagione, ma la Fermana in questo momento non ha i soldi per liquidare la risoluzione del suo contratto; stessa situazione per il direttore sportivo Massimo Andreatini, anche lui con un piede e mezzo fuori e che si guarda in giro.

Nel frattempo i tifosi sono infuriati con l'ex patron e sponsor principale Maurizio Vecchiola (vedi striscione nella foto in basso), che vuole abbandonare la società con un milione e mezzo di debiti provocati dall'amministrazione gestita per nove anni dal suo uomo di fiducia. Secondo i supporters (vedi in basso foto riproduzione della pagina Facebook “Curva Duomo”) proprio per questo motivo dovrebbe essere l'ex patron a risolvere i problemi creati da una persona messa da lui in società quando tutta la città, sin da anni addietro, gli ripeteva che quella persona probabilmente non andava bene.

Mentre quasi tutte le altre società di serie C al 7 luglio hanno un allenatore, una rosa già ben strutturata e hanno fissato date il luogo del ritiro, la nave della Fermana è ancora in alto mare, in acque agitate e non è chiaro quando riuscirà ad approdare in porto.
Nonostante la conquista della permanenza in serie C sul campo con ampio anticipo, quest'anno le cose sembrano andare addirittura peggio dell'anno scorso quando di questi tempi era retrocessa in serie D e la società gialloblu stava valutando se proporre o meno la domanda di ripescaggio.

ARTICOLI CORRELATI

https://www.viverefermo.it/2023/07/01/la-fermana-ancora-in-serie-c-c-lok-delle-commissioni-ora-subito-lallenatore/120569/

https://www.viverefermo.it/2023/06/29/fermana-cordata-la-trattativa-prosegue-ma-incombono-covisoc-e-allenatore/119056/

https://www.viverefermo.it/2023/06/29/la-fermana-ha-vinto-il-45-trofeo-velox-una-speranza-per-il-futuro/118462/

https://www.viverefermo.it/2023/06/23/ecco-chi-il-capo-della-cordata-che-vuole-comprare-la-fermana/114935/

https://www.viverefermo.it/2023/06/22/vendita-fermana-si-fatto-vivo-un-avvocato-romano-ma-non-battaglioni/114345/

https://www.viverefermo.it/2023/06/21/fermana-depositato-tutto-il-necessario-per-liscrizione-in-serie-c/113543/

https://www.viverefermo.it/2023/06/10/fermana-il-dg-tubaldi-iscrizione-ok-ma-sono-preoccupato-per-il-dopo/106276/

https://www.viverefermo.it/2023/06/09/fermana-vecchiola-non-firma-la-fideiussione-scattato-il-piano-b/105072/





Questo è un articolo pubblicato il 07-07-2023 alle 07:20 sul giornale del 08 luglio 2023 - 2218 letture


Paolo Bartolomei




qrcode