x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
articolo

Fermo: presentato il programma del Concorso Violinistico Internazionale Andrea Postacchini. Per la trentesima edizione 100 partecipanti provenienti da tutto il mondo

4' di lettura
504

da Silvia Cotechini


Il concorso Postacchini è stato presentato questa mattina al Gabinetto del Sindaco di Palazzo dei Priori. I violini torneranno nel centro storico dal 20 al 27 maggio.

Il Concorso Violinistico Internazionale Andrea Postacchini spegne 30 candeline e per festeggiare ha pensato a un ricco programma che partirà il 20 maggio e durerà fino al 27, quando si terrà la Cerimonia di Premiazione al Teatro dell'Aquila di Fermo.

Oggi, in occasione della “giornata di primavera”, è previsto un doppio appuntamento. Il primo questa mattina con la conferenza di presentazione che si è tenuta al Gabinetto del Sindaco. In questa circostanza è stato reso noto il fitto calendario della dieci giorni del concorso, dopodiché il Sindaco ha estratto la lettera che sancirà l'ordine di esecuzione delle prove del concorso. Sempre nella giornata di oggi sabato 6 maggio, presso Villa Vinci (Piazzale del Girfalco di Fermo) è prevista la presentazione ufficiale del violino e dell'archetto, i due premi destinati al vincitore assoluto di questa edizione. Questi pregiati strumenti portano la firma del Maestro Giovanni Lazzaro (violino) e di Luca Slaviero (archetto). Dopo la presentazione, verrà proiettato il film documentario “Andrea Postacchini: chi era costui?” sulla vita del liutaio fermano che dà il nome al concorso.

Presenti alla conferenza il Sindaco Paolo Calcinaro e il Prefetto di Fermo Michele Roccheggiani. Il Sindaco è felice di tornare a vivere il concorso dopo lo stop per la pandemia. “Tornano a risuonare i violini per il centro storico di Fermo. Sarà presente alla serata finale anche il Sindaco di Ansbach”. “Ricordo ancora quel concerto del 4 ottobre 2020 – dice l’assessore Lanzidei – quando abbiamo riaperto le porte del teatro proprio in occasione del Postacchini. È sempre un’emozione accogliere musicisti di fama internazionale in città”. Conclude con un dovuto ringraziamento a Milena Rogante e Roberto Perticarà, collaboratori dell’Associazione Antiqua Marca Firmana, organizzatrice dell'edizione 2023 del Concorso.

In rappresentanza dell’Associazione è intervenuto il Conte Giulio Vinci Gigliucci, che racconta dei momenti di timore nelle settimane precedenti alla chiusura delle iscrizioni: “Avevamo paura per le ripercussioni del Covid e per il rincaro dei biglietti aerei. Ma abbiamo avuto un risultato inaspettato con 100 iscrizioni esatte”. Spetta al direttore artistico del concorso Domenico Cipriani elencare i nomi prestigiosi dei giurati (a livello internazionale) di quest’anno: per primo il Presidente Maestro Rafael Gintoli proveniente dall'Argentina, il Maestro Anthony Berner direttamente dagli Stati Uniti, il Maestro Eva Bindere dalla Lituania e i due membri italiani, i Maestri Alessandro Cappone e Luca Falasca, e poi ancora il Maestro Kun Hu dalla Cina e il Maestro Yuri Zhislin dalla Russia. La giuria del Postacchini subisce un rinnovo ogni anno, un membro può tornare solo dopo cinque anni. “Quindi i candidati si troveranno a salire sul palco per eseguire dei brani davanti a sette professionisti famosi a livello mondiale. La tensione a volte gioca brutti scherzi” racconta Cipriani.

I partecipanti verranno accolti a Fermo il 19 maggio, per poi iniziare il concorso nella prima mattinata di sabato 20 maggio. In concomitanza del concorso si terrà anche una Mostra di Liuteria nel foyer del Teatro dell'Aquila, che verrà inaugurata sabato 20 maggio alle 18:30 e rimarrà aperta per tutto il periodo del concorso violinistico. Altra importante iniziativa “extra concorso” riguarda l'incontro dei violinisti del Postacchini con le scuole: hanno aderito la Da Vinci Ungaretti e la scuola Betti di Fermo, la Nardi di Porto San Giorgio e la Fracassetti di Capodarco. I violinisti del Postacchini si esibiranno anche con alcuni liberi concertini presso il Circolo di Ave nelle giornate di mercoledì e giovedì. L'evento più atteso è sicuramente la cerimonia di premiazione con il concerto dei vincitori. La serata conclusiva del concorso si terrà sabato 27 maggio alle 21:15 al Teatro dell'Aquila, in questa occasione si potrà godere della musica dei finalisti e assistere alla proclamazione del vincitore assoluto della XXX edizione.

I 100 violinisti di questa edizione provengono da tutto il mondo e sono suddivisi secondo quattro categorie di età. La più piccola partecipante ha solo 9 anni e proviene dalla Cina. Il concorso ha ricevuto la Medaglia di Rappresentanza del Senato della Repubblica italiana e l'Alto Patrocinio del Parlamento europeo. Altri patrocini: Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale, Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco, Regione Marche, Città di fermo, Città di Ansbach, Provincia di Fermo, Camera di Commercio delle Marche, Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo, Carifermo spa e il liceo artistico statale Preziotti- Licini di Fermo.

Il Postacchini si posiziona tra i 5 più importanti concorsi al mondo ed è un orgoglio per la città di Fermo. Per maggiori informazioni www.postacchinifestival.com


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.




Questo è un articolo pubblicato il 06-05-2023 alle 18:10 sul giornale del 07 maggio 2023 - 504 letture






qrcode