x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
articolo

Fermo: l’Asite dà una “scossa” alla raccolta differenziata. Il progetto contro l’abbandono dei rifiuti RAEE e sei nuovi ecocentri

3' di lettura
750

da Silvia Cotechini


RAEE è una sigla che indica i Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. L’Asite presenta un progetto per la corretta gestione di questi rifiuti, che non vanno gettati nell’indifferenziata ma sono fonti preziose di materiali di riciclo.

“L’Asite si avvicina ancora di più ai cittadini fornendo i giusti strumenti per ottimizzare la raccolta differenziata” dice l’assessore con delega alle politiche ambientali Alessandro Ciarrocchi in apertura della conferenza. Il progetto prevede la costruzione di nuovi ecocentri nelle periferie, che andranno ad alleggerire il lavoro dell’ecocentro unico situato a San Martino, e la sensibilizzazione delle scuole e dei cittadini riguardo l’argomento.

“Il nostro timore è che per non percorrere 10 chilometri in macchina, il cittadino che vive fuori città preferisce buttare gli elettrodomestici in scarpata – spiega l’assessore – pensiamo che costruendo più ecocentri nelle periferie possiamo ridurre al minimo gli abbandoni di rifiuti RAEE”. Per questo motivo, invece di effettuare lavori di ampliamento dell’ecocentro comunale, l’amministrazione ha pensato di spendere il finanziamento ottenuto (circa 100mila euro) su alcuni “mini ecocentri” periferici.

Come fa notare Emilio Cuomo, direttore generale di Fermo Asite, il territorio della città di Fermo non è uniforme, quindi ogni ecocentro dovrà essere specifico per la zona in cui si trova e ottimizzato continuamente nei mezzi e metodi di raccolta. I centri saranno a impatto zero sull’ambiente, garantisce Cuomo, e quindi non emaneranno cattivo odore. Gionni Renzi, responsabile settore ambiente Fermo Asite, annuncia che sei ecocentri verranno realizzati con il finanziamento di circa 100mila euro nei prossimi due anni e saranno così disposti:

  • Costa nord fermana (tra Lido Tre Archi e Lido San Tommaso, nei pressi dell’isola ecologica)
  • Casabianca
  • Marina Palmense
  • Campiglione
  • Zona Girola (conceria)
  • Santa Petronilla

Luisa Serroni, consigliera del CDA di Fermo Asite, esplora le altre azioni del progetto ed esordisce con un dato allarmante: ogni cittadino produce circa 13 chili di RAEE all’anno, ma di questi solo 6 chili vengono avviati al riciclo. È necessario considerare che la percentuale di recupero da uno smartphone o da un PC è molto alta, dal 70 al 90%. Il progetto si chiama “Diamo una scossa alla raccolta differenziata” e prevede diverse azioni. Da febbraio 2023 è attiva una postazione nobile, la RAEE CAR, che verrà installata ogni quindici giorni nei vari quartieri per conferire i rifiuti RAEE in maniera gratuita. Negli scorsi mesi, la RAEE CAR ha già fatto tappa a Piazzale Cupini, Largo San Giuliano e Santa Caterina. Per maggio è prevista una data in più (quindi tre date mensili e non due) con un appuntamento speciale per l’Eco Day del 14 maggio.

Oltre alla RAEE CAR, dal mese di marzo sono stati disposti in varie zone del comune i bidoni gialli dedicati alla raccolta dei cosiddetti Micro RAEE, ovvero apparecchiature elettroniche ed elettriche di dimensioni inferiori ai 24x16 cm. Altre iniziative riguardano l’informazione della cittadinanza con degli incontri di quartiere e nelle scuole. Sono già iniziate delle progettualità con l’ITIS Montani, l’ITET Carducci-Galilei e l’IPSIA Ricci. All’ITIS è già stato predisposto un contenitore giallo e i ragazzi sono stati sottoposti a questionari relativi alle tematiche trattate negli incontri.

Hanno partecipato alla conferenza anche Marco Amati, referente tecnico settore ambiente FermoAsite, e il Sindaco Paolo Calcinaro, che ricorda l’utilità del centro del riuso, gestito dalla cooperativa Ecoama. Si tratta di uno spazio in cui è possibile lasciare i beni da buttare ma che sono riutilizzabili e, allo stesso tempo, si può portare a casa un oggetto a cui donare una seconda vita.

La speranza è che con questo progetto e coi nuovi ecocentri non ci siano più scuse per gettare tali rifiuti nella natura. Non resta che sperare, a questo punto, nell’educazione e nel buonsenso di tutti i cittadini.

Per maggiori informazioni www.asiteonline.it tel. 0734.621177



Questo è un articolo pubblicato il 04-05-2023 alle 16:39 sul giornale del 05 maggio 2023 - 750 letture






qrcode