x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Fermo: sabato 18 marzo inaugurazione dei nuovi locali di “SpazioBetti”

3' di lettura
768
da Comune di Fermo
www.fermo.net

Sabato 18 marzo alle ore 18.00 si terrà l’inaugurazione dei nuovi locali di “SpazioBetti”, il progetto di rigenerazione urbana che permetterà di ridare alla città di Fermo la piena disponibilità pubblica di una porzione della ex-scuola media Ugo Betti, in zona San Francesco.

In questo spazio polifunzionale saranno presenti un bar/bistrot, una sala pubblica polivalente e delle sale di formazione, spazi che saranno messi a disposizione della cittadinanza con particolare attenzione alla fascia giovanile e all’offerta di servizi per il quartiere. SpazioBetti intende così divenire un punto di riferimento per l’offerta culturale della città e del territorio, con una ricca programmazione di iniziative artistiche.

Interessante sarà anche l’offerta formativa che riguarderà il mondo delle arti e dello spettacolo.

Tra i servizi offerti dal progetto anche un’azione di “portierato sociale”, per dare un sostegno al quartiere e al vicinato di SpazioBetti, consistente nell’animazione e nel supporto alle relazioni sociali e alla realizzazione di piccoli servizi di prossimità sociale, che siano utili ai cittadini.

Nel corso di questo primo periodo, il progetto offrirà anche servizi di alloggio in forma sperimentale di carattere sociale, con alloggi temporanei per situazioni di fragilità sociale, ma anche di carattere turistico, con micro-appartamenti per turisti; sarà possibile usufruire di una bike station, con la possibilità di noleggio di e-Bike per escursioni accompagnate e non nel territorio.

Il progetto, denominato “SpazioBetti. Eco-sistema di servizi e azioni socio-culturali integrati ad alta sostenibilità” al piano terra dell’immobile dell’ex scuola media, ad agosto 2022 era stato riconosciuto meritevole dal Dipartimento della funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri di risorse pari a 450 mila euro nell'ambito del FIS - Fondo di innovazione sociale (DPCM 21 dicembre 2018) ed il progetto Spazio Betti è tra i soli 18 progetti finanziati in questo programma (fase II sperimentazione dal Dipartimento di Funzione Pubblica).

Spazio Betti è un progetto di innovazione sociale che vede un accordo di partenariato fra:

- Coop. Soc. Nuova Ricerca Agenzia RES di Fermo (in qualità di soggetto proponente e capofila)

WEGA impresa sociale di Amandola

Avanzi - Sostenibilità per Azioni – srl

Banca Popolare Etica (in qualità di ente finanziatore).

“Da progetto a realtà. Nasce SpazioBetti che sarà così un importante avamposto di portierato sociale, formativo, informativo, ricettivo – ha detto il Sindaco Paolo Calcinaro. Attraverso il tema della sostenibilità economica, questo Spazio potrà fornire, attraverso l’integrazione e l’interazione, diversi servizi che saranno a disposizione della comunità cittadina”.

“Con la formazione, il portierato e l’accoglienza questo progetto potrà fornire molteplici servizi con una forte vocazione sociale - ha detto l’assessore alle Politiche Sociali Mirco Giampieri. Ringrazio il Dirigente Giovanni Della Casa e Fabio Ragonese, sempre del Comune di Fermo, per la cura ed il coordinamento dell’intero progetto”.

“Uno Spazio nuovo nell’ambito del progetto di innovazione sociale di SpazioBetti. Un ringraziamento al DirigenteUfficio Progetti speciali e fondi comunitari del Comune di Fermo Giovanni Della Casa e a Fabio Ragonese dello stesso ufficio, all’Ufficio Tecnico con il Dirigente Alessandro Paccapelo e all’ing. Daniela Diletti che hanno seguito e coordinato i lavori, oltre che ovviamente ai partner che credono in questo progetto - ha detto l'assessore alle Politiche Comunitarie e ai Lavori Pubblici Ingrid Luciani.

“Il progetto Spazio Betti è un modello innovativo di rigenerazione degli spazi urbani e un esempio di integrazione di servizi turistici, culturali e sociali, che guarda alla sostenibilità degli investimenti pubblici e privati” – le parole di Stefano Ranieri, referente dell’Agenzia Res.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-03-2023 alle 19:13 sul giornale del 16 marzo 2023 - 768 letture






qrcode