x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
articolo

Porto San Giorgio: Legge Rutelli e ripiantumazione del verde

2' di lettura
346

di Luigi De Signoribus

fermo@vivere.it


A seguito della delibera di giunta, l'amministrazione Vesprini dà il via ad un piano di rigenerazione arborea osservando le linee guida della legge n.113 del 1992.

“C'è una differenza in negativo di centodue arbusti, - apre il discorso il Sindaco Valerio Vesprini - tra quelli abbattuti e quelli ripiantati. Volontà di questa amministrazione è quella di colmare il gap esistente prendendo spunto dalla così denominata Legge Rutelli”. Tale legge, risalente al 1992, ha alla sua base un principio ben preciso, che prevede una pratica semplice ed essenziale: porre a dimora un albero per ogni bambino nato nel comune di residenza, a seguito della registrazione anagrafica. “Sono circa ottanta i bambini nati ogni anno nella nostra città – afferma l'assessore con delega ambiente Fabio Senzacqua – e questo sarà il numero di riferimento per le essenze arboree che verranno piantate nel corso dell'anno, sperando, così, di riuscire a sanare la carenza del verde in città”.

Molte le specie che andranno a ricostituire il patrimonio arboreo di Porto San Giorgio: dalle querce ai lecci, passando per i platani e corbezzoli. Al vaglio dell'amministrazione vi è ora la scelta delle zone su cui intervenire, anche se sembra essere già stata individuata una prima area: via Pian della Noce, che vedrà partire i lavori già da Marzo. “Abbiamo avviato una collaborazione con l'AMAP regionale – specifica poi Vesprini - affinché venga posta in essere una fornitura adeguata di beni vivaistici. Con l'ufficio tecnico avvieremo uno studio per la selezione delle aree su cui agire”.

Per un primo resoconto di ciò che si andrà a fare, l'amministrazione pone la data del 21 Novembre, giornata nazionale degli alberi, quale giorno in cui verrà effettuata una mappatura del patrimonio arboreo esistente, congiuntamente ad un controllo delle zone soggette ad abbattimento delle barriere architettoniche secondo la convenzione dell'Onu, cui Porto San Giorgio ha prontamente aderito.




Questo è un articolo pubblicato il 29-01-2023 alle 10:27 sul giornale del 30 gennaio 2023 - 346 letture






qrcode