x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPORT
articolo

Fermana, la bomba di Giandonato non basta, col Montevarchi è 1-1

5' di lettura
1000

di Paolo Bartolomei
fermo@vivere.it


FERMO - Gialloblù in vantaggio con il 6° gol stagionale di Giandonato, i toscani pareggiano con l'ex Rovaglia. Tulissi di nuovo subito ko. Classifica invariata alla vigilia di due trasferte "di ferro".

Il pareggio delude perché tutti i tifosi canarini si attendevano di battere facilmente il fanalino di coda Aquila Montevarchi, ma la partita di oggi dimostra che nulla è facile e scontato. Nonostante tutto si tratta del sesto risultato utile consecutivo per la Fermana, sei turni senza sconfitte, serie che tiene la squadra canarina in perfetta posizione di metà classifica, a 6 punti dai playout e a soli 4 dai playoff.

Però dopo il match di oggi per i gialloblù ci sono due trasferte consecutive: già fra tre giorni (martedì 31 gennaio, ore 21) si gioca ad Olbia, poi sabato prossimo a Chiavari, in casa dell'Entella, cioè le due trasferte più lunghe del campionato concentrate in cinque giorni per una settimana massacrante.

Partita spigolosa e dura contro il fanalino di coda Montevarchi che era venuto a Fermo per vendere cara la propria pelle. La Fermana, che quest'anno per la prima volta dopo diverse stagioni punta ad un gioco propositivo e tecnico, paradossalmente si trova più a proprio agio con avversarie di medio-alta classifica (a meno che non siano “marziani” come la Reggiana) a cui ha strappato molti punti. Al contrario i gialloblù fanno fatica con avversarie come il Montevarchi che attuano un gioco ostico, duro, agonistico, cercando di spezzare il gioco avversario.


CRONACA - Comincia male l'incontro per la Fermana con Tulissi che è stato schierato titolare dopo una lunga assenza per uno strappo muscolare; l'attaccante deve abbandonare il campo dopo soli undici minuti, sostituito da Pinzi. Nonostante ciò tutto sembra scorrere per il meglio per i gialloblù quando sei minuti più tardi Giandonato, con una punizione battuta da una ventina di metri, fa partire un rasoterra forte e insidioso che passa tra una selva di gambe, viene deviato davanti al portiere e termina in rete: 1-0. 6° gol personale per Giandonato che torna capocannoniere solitario dei canarini.
Il Montevarchi si rende pericoloso con Cerasani nel finale di primo tempo quando riesce a pareggiare su calcio d'angolo con l'ex Rovaglia che devia al volo in mischia 1-1.

La Fermana inizia il secondo tempo con maggior ritmo per recuperare il vantaggio, si registrano tentativi insidiosi di Scorza e su punizione di Giandonato, poi si rifà sotto il Montevarchi e Cerasani fa lavorare Borghetto. La Fermana insiste e cerca il gol vittoria, ma anche i toscani ci provano e in avanti Rovaglia ha tanta voglia di segnare una doppietta alla sua ex squadra. Le incursioni dei rossoblù toscani (oggi in casacca bianca) costringono gli undici gialloblù di casa a non sbilanciarsi troppo in attacco, qualche volta i canarini vengono infilati pericolosamente in contropiede.
Protti inserisce Maggio e Bunino, la Fermana spinge di più ma si rende pericolosa solo con punizioni di Giandonato e alla fine termina 1-1 con i toscani pericolosi in area canarina fino al 95'.

FERMANA (4-3-3): Borghetto; Eleuteri, Pellizzari, Parodi, Carosso (36’ st Maggio); Scorza, Giandonato, Graziano (36’ st Bunino); Tulissi (10’ pt Pinzi), Fischnaller (36’ st De Nuzzo), Romeo. A disp. Vaccarezza, Nardi, Spedalieri, Vessella, Pampano, Gkertsos, Ronci. All. Stefano Protti.

AQUILA MONTEVARCHI (3-4-1-2): Giusti; Tozzuolo (29’ st Silvestro), Gennari, Fiumanò (29’ st Chiti); Cerasani, Amatucci, Nador, Lischi; Giordani; Rovaglia (47’ st Sorgente), Kernezo (29’ Biagi). A disp. Mazzini, Bertola, Boncompagni, Jallow, Manè, Marcucci. All. Marco Banchini.

ARBITRO: Fabrizio Pacella di Roma 2 (De Chirico/Nocosia/Ursini)

RETI: 16’ pt Giandonato, 45’ pt Rovaglia

NOTE: Osservato un minuto di silenzio per la scomparsa di Carlo Tavecchio; temperatura gelida poco sopra lo 0 termico; ammoniti Romeo, Tozzuolo, Silvestro, Nador; angoli 4-3; recupero 2+5; spettatori 1119 di cui 800 abbonati e una trentina di tifosi toscani in curva est; incasso complessivo euro 4500 (rateo abbonati euro 2531,28).

LE ULTIME DI MERCATO

Alla vigilia della partita con il Montevarchi la Fermana ha comunicato in via ufficiale l'arrivo dell'attaccante Mattia Pampano, classe 2002, alto 183 cm, amandolese di nascita, con esperienze in serie D a Montegiorgio e Notaresco; Pampano è stato convocato subito da Protti che oggi lo ha portato in panchina.

Questa di Pampano è finora (il mercato chiude martedì 31 gennaio, ore 20) l'unica entrata a fronte di ben sette partenze: il club del presidente Simoni punta a sfoltire l'organico per alleggerire il monte stipendi (sebbene leggeri trattandosi di contratti di addestramento sportivo di giovanissimi calciatori) e forse per qualche altro arrivo importante nelle ultime ore delle trattative di mercato che si tengono all’Hotel Sheraton di Milano.

I primi a lasciare la società gialloblù un mese fa sono stati Filippo Lorenzoni (centrocampista centrale, cl. 2003) e Gabriele Onesti (ala sinistra, cl. 2002) che hanno risolto il contratto di prestito e sono tornati alle proprie società di appartenenza, cioè rispettivamente Pro Vercelli (che lo ha già girato al Livorno, in serie D) e Ternana. Poi è stata la volta del terzino destro Yassine Diouane (2003) che è andato in prestito al Roma City, serie D; poco dopo Francesco Luciani (difensore centrale, 2003) ha risolto il contratto di prestito ed è tornato all'Ascoli che lo ha già girato al Ravenna, seguito dall'attaccante Lorenzo Grassi, 2004, andato in prestito alla Sammaurese, società romagnola che milita in serie D e “patria” calcistica di mister Protti. In seguito anche Mattia Cardinali, punta 2003, è andato al Notaresco in serie D, infine pochi giorni fa Stefano Pavone, mediano 2004, è passato al Montegiorgio.

ARTICOLI CORRELATI

https://www.viverefermo.it/2023/01/23/fermana-ottimo-pari-a-cesena-sfiorando-limpresa/13608/

https://www.viverefermo.it/2023/01/16/fermana-recanatese-la-battaglia-partorisce-il-topolino/8661/

https://www.viverefermo.it/2023/01/09/la-fermana-espugna-gubbio-ora-pi-vicini-i-playoff-che-i-playout/4067/

https://www.viverefermo.it/2022/12/24/fermana-travolgente-il-fiorenzuola-rimonta-ma-termina-4-2/2100335462/

https://www.viverefermo.it/2022/12/18/primo-gol-di-matteo-maggio-e-la-fermana-torna-a-sorridere/2100331366/

https://www.viverefermo.it/2022/12/11/spedalieri-illude-la-fermana-battuta-dal-pontedera-2-1/2100325919/

https://www.viverefermo.it/2022/12/04/fermana-la-capolista-reggiana-spegne-la-luce-al-recchioni-0-3/2100321431

https://www.viverefermo.it/2022/12/02/fermana-lad-scheggia-stiamo-facendo-i-miracoli-ma-servir-laiuto-del-territorio-per-andare-avanti/2100319784/

https://www.viverefermo.it/2022/11/30/eurogol-di-giandonato-e-testa-di-graziano-la-fermana-espugna-siena-2-3/2100318160/





Questo è un articolo pubblicato il 28-01-2023 alle 18:37 sul giornale del 29 gennaio 2023 - 1000 letture


Paolo Bartolomei




qrcode