x

SEI IN > VIVERE FERMO > CRONACA
comunicato stampa

Fermo, violenza di genere: in Questura siglato il “Protocollo Zeus”

1' di lettura
118

Nella mattinata odierna alle ore 11,00, il Sindaco di Macerata Sandro Parcaroli quale capomaglia per l'intera regione Marche delle strutture maltrattanti, ha siglato il "Protocollo Zeus" con il Questore di Fermo, Rosa Romano, per la gestione dei casi di ammonimento per stalking e maltrattamenti.

Hanno preso parte all’evento, il Presidente della Provincia di Fermo

Michele Ortenzi, il Vice Prefetto Todini per la Prefettura di Fermo, il

Sindaco di Fermo Paolo Calcinaro, il Presidente della Commissione Regionale alle Pari Opportunità Maria Lina Vitturini, il Presidente della Commissione Provinciale alle Pari Opportunità Francesca Palma nonché esponenti della Cooperativa Sociale “On The Road”.

La Questura di Fermo è la seconda Questura nelle Marche a firmare il “Protocollo Zeus” e la quinta Questura in Italia.

Il progetto in argomento, prevede che quando il Questore emette un decreto di ammonimento per stalking e maltrattamenti (così detti “reati sentinella”) informa la persona ammonita della possibilità di sottoporsi ad un programma di prevenzione organizzata dai servizi del territorio. Il trattamento è volto al miglioramento della gestione delle emozioni, nella convinzione che intervenire all’inizio della spirale della violenza è determinante far prevenire la degenerazione dei primi atti, affinchè colui che li ha commessi possa “fermarsi prima”.

Il protocollo prevede una sinergia particolare tra gli operatori della Divisione Anticrimine della Questura e i servizi sul territorio coinvolti nell’intervento di prevenzione. Infatti, il Questore, ammonita la persona, la “invita formalmente” a prendere i contatti con tali servizi di cura per accedere ad un percorso gratuito di riflessione sulle sue condotte moleste per esempio sulle difficoltà nel controllo della rabbia.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-12-2022 alle 13:46 sul giornale del 02 dicembre 2022 - 118 letture






qrcode