x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
articolo

Sant’Elpidio a Mare: presentato il programma del “Natale d’Incanto” 2022

4' di lettura
2658

da Roberta Ripa

fermo@vivere.it


Presentato oggi il cartellone di eventi per il periodo natalizio promosso dall’amministrazione comunale. Il programma, che quest’anno prende il nome di “Natale d’Incanto”, vede il coinvolgimento di tutte le associazioni diffuse sul territorio, dal centro alle frazioni.

Sarà un “Natale d’Incanto” quello che animerà Sant’Elpidio a Mare nel periodo più magico dell’anno. Questo è infatti il nome che l’assessore alla cultura Michela Romagnoli e l’amministrazione comunale, insieme alle varie associazioni del territorio, hanno scelto di dare al cartellone di eventi natalizi 2022. Un cartellone organizzato in pochi mesi, ma che intende comunque trasmettere lo spirito di socialità e condivisione che è tipico del Natale. “Il periodo storico, con la pandemia che ci pone ancora dei vincoli e il caro energia, ci ha sicuramente messo in difficoltà, ma abbiamo cercato di fare il massimo per regalare alla città un Natale ‘d’incanto’”, spiega l’assessore Romagnoli.

La luce è tra i leitmotiv di questo Natale elpidiense, che si apre ufficialmente domenica 4 dicembre nel segno di un evento suggestivo, “Borgo a Lume di Candela”. Le luci del centro storico si spegneranno per lasciare spazio alle candele, creando un’atmosfera romantica e suggestiva; spettacoli, danze e reading a tema animeranno le piazze e i vicoli del centro, per inaugurare in maniera originale questo Natale 2022. Contestualmente, avverrà l’accensione delle luminarie, che come spiega l’assessore Romagnoli quest’anno sono state ridimensionate per il caro bollette; “ci saranno i simboli principali, con l’albero e il presepe, ma in generale ci è sembrato un atto dovuto, in questo periodo storico, ridimensionare addobbi e luminarie”.

Ma il Natale elpidiense non sarebbe stato tale, quest’anno, senza il prezioso supporto delle associazioni, numerose e dislocate nelle varie zone del territorio, che hanno contribuito, ognuna a suo modo, a una parte importante della programmazione. I Veli della luna, Il regno di Morbidù e Progetto CreAzione sono le associazioni protagoniste di Borgo a Lume di candela: animeranno infatti il centro storico con danze orientali (la prima) e suggestivi reading (le seconde) in occasione dell’evento di domenica 4 dicembre. L’associazione Nestore organizzerà invece l’arrivo di Babbo Natale l’8 dicembre, sempre in Piazza Matteotti. Ma non c’è solo il centro storico. Protagoniste del Natale d’incanto elpidiense sono anche le frazioni. A Casette d’Ete, il Centro giovanile e altre sette associazioni della zona propongono eventi per adulti e bambini, dall’8 dicembre al 7 gennaio: “Con il nostro numeroso gruppo di associazioni, abbiamo pensato a un piccolo ma grande calendario per animare Casette d’Ete”, spiega Loretta Morelli; “ci saranno i mercatini natalizi, la tombolata solidale, l’inaugurazione di mostre e la prima edizione della Gara del frustingo, per rendere omaggio a questa tradizione gastronomica tipicamente marchigiana; allestiremo poi anche un presepe vivente presso la Basilica di Santa Croce, con Echi di Natività”. Nel quartiere Luce, l’associazione Luce Viva, supportata dal Comitato San Lorenzo, torna dopo gli anni della pandemia a proporre eventi natalizi: dal pranzo di Natale a Villa Falconi (11 dicembre), alla festa di Natale del 18 con musica, mercatini e l’arrivo di Babbo Natale, fino al contest social per gli addobbi più belli. Nel quartiere Angeli, il centro sociale organizza, per il 17 dicembre, il “giardino d’incanto”, festa di Natale per nonni e nipoti. Ci sarà poi spazio per le varie arti: il teatro, con la programmazione di AMAT e Lagrù ma anche con uno spettacolo, il 7 dicembre, promosso dall’AVIS-Aido elpidiense e ideato e interpretato da donatori; la musica, con i concerti itineranti dell’associazione musicale Voci insieme (4 e 7 gennaio); l’arte del presepe, con l’allestimento della consueta mostra.

“Il momento storico è complesso, ma come amministrazione abbiamo cercato di fare il massimo per offrire un programma vasto, che coinvolgesse tutte le fasce d’età”, conclude il sindaco Pignotti; “abbiamo agito cercando di eliminare il superfluo ma mantenendo un’alta qualità; il mio ringraziamento va all’assessore Romagnoli per il lavoro svolto e alle associazioni, il cui contributo è stato essenziale per questo ‘Natale d’Incanto’ 2022”.



Questo è un articolo pubblicato il 29-11-2022 alle 16:52 sul giornale del 30 novembre 2022 - 2658 letture






qrcode