x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPETTACOLI
articolo

Giulietta e Diego conquistano la Finlandia. Tre date da incorniciare. “Armonia e sintonia sul palco”

6' di lettura
1502

di Lorenzo Cortellucci


Helsinki, Kotka e Hanko, queste le tre città dove la coppia di cantautori fermani si è esibita. “Felici e soddisfatti di questo tour. I nostri brani sono piaciuti. Torneremo ancora”. Giulietta e Diego, coppia nella vita e nella musica, dopo i sold out estivi, hanno voluto far conoscere la loro musica oltre i confini nostrani. “Siamo diversi, ma complementari. Abbiamo generi differenti, ma riusciamo a conciliarli al meglio”.

Superare la propria comfort zone, scommettere su sé stessi e farsi apprezzare anche lontano dalla terra d’origine. Questo è quello che hanno scelto di fare Giulietta e Diego, due cantautori emergenti tra i più seguiti dell’intera Regione.

La coppia, sia nella vita che sul palco, lo scorso 3 ottobre, ha dato vita ad una tournée ricca di soddisfazioni fuori dai confini italiani, precisamente in Finlandia. I due artisti, armati di chitarra, voci e tanto amore per la musica, dopo un lungo viaggio in aereo, si sono esibiti ad Helsinki, Kotka e Hanko, riscuotendo tanti applausi.

“Siamo tornati domenica. Ancora dobbiamo riprenderci dalle settimane in Finlandia. E’ stata un’esperienza fantastica”, hanno confidato Giulia Natalucci, in arte ‘Giulietta’, originaria di Santa Vittoria e Diego, di Porto San Giorgio e frontman del gruppo ‘Diego Mercuri & The Wrecking Band’.

L'idea del tour era nata nei mesi scorsi: “Io amo la Finlandia, la frequento da quand’ero piccola – racconta Giulietta – volevo farla conoscere anche a Diego, così abbiamo pensato di organizzare un viaggio alla scoperta di quei posti meravigliosi. Successivamente, si è presentata l’opportunità di esibirci in alcune Città finlandesi e dopo la prima data se ne sono aggiunte altre due. Così, da semplici turisti, ci siamo calati nei panni degli artisti e abbiamo portato la nostra musica fuori dall’Italia”.

Finlandia terra viscerale e ricca di leggende, che ama la buona musica e dà sempre spazio ai giovani cantautori: “Non conoscevo quei luoghi, ma li ho amati a prima vista. Giulia ha cugine e parenti lì, è legata da molto tempo a quella terra – ribadisce Diego – Per me era la prima volta. La Finlandia mi ha subito conquistato”.

3 Città diverse per tre concerti ricchi di applausi e successo: “Per la prima data ci siamo esibiti ad Helsinki, in uno dei locali ‘più in’ del luogo, il Musta Kissa. È stata una serata ben riuscita. Nonostante fosse un mercoledì, c’è stata molta gente. Tanti giovani, ma anche coppie di mezza età, che in Finlandia sono solite ascoltare musica dal vivo e seguire le esibizioni dei gruppi emergenti. Helsinki è il fulcro di quel territorio, una Città molto viva ed aperta alle novità – spiega Giulietta – la seconda tappa era Kotka, nel club Haukka. Anche lì c’è stata tanta partecipazione di pubblico e molti hanno richiesto i nostri Cd – racconta Diego – per la terza abbiamo scelto Hanko, forse una delle città più suggestive della Finlandia. Si trova al confine con la Svezia, ha un porto molto frequentato, dove si incontrano tante nazionalità. E’ una città viva e partecipata. La nostra esibizione si è svolta al Gronan ed è stato il proprietario del club a volerci fortemente – racconta la coppia – se dovessimo fare una classifica, forse l’ultima ad Hanko è stata la serata migliore. Sold out, applausi e bis a ripetizione. Un vero successo”.

Un tour molto intenso, che vi ha aperto nuovi orizzonti. Cosa vi portate dietro da questa esperienza finlandese? “Innanzitutto, la consapevolezza che la nostra musica piace molto alla gente del posto e a quel tipo di pubblico. Inoltre siamo tornati nelle Merche con in tasca alcune nuove date per la Finlandia, in vista della prossima stagione. Abbiamo preso contatti con gente del luogo, quindi di sicuro torneremo ad esibirci lì”.

Diego più votato al Rock n’roll e alla musica folk, Giulietta, invece, appassionata di celtic rock e sonorità medievali. Come vi conciliate sul palco? “Siamo sinceri, abbiamo molta intesa e sintonia quanto cantiamo. Il fatto di essere una coppia anche nella vita, senza dubbio, ci aiuta – spiegano Giulia e Diego – abbiamo stili differenti ed ognuno pratica il genere che più gli è congeniale, però riusciamo a conciliare le nostre sonorità al meglio. Anche se scriviamo e creiamo musiche differenti, sul palco sappiamo trovare l’amalgama giusto, cercando di mantenere ognuno la propria identità – ribadiscono i ragazzi – lavoriamo a progetti musicali separati, ma quando ci esibiamo insieme riusciamo ad unire le nostre voci nel migliore dei modi”.

Quindi intesa vincente alla base di tutto. La Finlandia ha confermato la vostra coesione? “Assolutamente si. Già in passato ci siamo esibiti più volte in coppia ed in quest’ultimo tour abbiamo rinnovato la nostra sintonia. Io ho presentato pezzi inediti, inseriti nel mio ultimo disco ‘Rune’ e Diego mi ha accompagnato con la chitarra. A sua volta, anche lui ha presentato i suoi brani, alternando il tutto con diverse cover - spiega Giulia - Il pubblico ha molto apprezzato la nostra musica, tant’è che abbiamo venduto tutte le copie dei CD che avevamo portato dietro”.

La Finlandia terra appassionata di musica e aperta ai cantautori del domani. Differenze con l’Italia? “Un’aspetto che abbiamo notato, è che i locali lì curano in modo particolare l’aspetto musicale e l’esibizione degli artisti. Molti hanno attrezzatura all’avanguardia e palchi di proprietà. Inoltre, ci tengono davvero tanto nel dare spazio ai giovani emergenti – sottolineano Diego e Giulietta – il pubblico, che partecipa alla serata in un club o in un pub, non è li solo per consumare la bevuta o salutare qualche amico, ma entra perché vuole ascoltare buoni musica, partecipa al concerto, si lascia coinvolgere, fa sentire la band o gli artisti i veri protagonisti. All’Italia, forse, questo aspetto non appartiene”.

Quindi, ci sarà ancora Finlandia nel vostro futuro? “Si certo, torneremo. Ovvio, siamo sempre legati alle nostre origini e alla nostra terra che ci dà davvero tanto, in ogni luogo dove suoniamo – concludono i due cantautori – la Finlandia ci ha rubato il cuore e per me è stata anche d’ispirazione, visto che, in questi giorni, ho scritto un brano dedicato a quella terra. Lo farò uscire il prossimo gennaio” chiosa Giulietta”.





Questo è un articolo pubblicato il 13-10-2022 alle 11:50 sul giornale del 14 ottobre 2022 - 1502 letture






qrcode