Fermo: successo per il musical “La Bestia nel Cuore”

3' di lettura 04/10/2022 - Un successo di partecipazione, un successo per come è stato interpretato, ma il successo maggiore sarà quello con cui si auspica che i giovani possano accogliere il messaggio che è stato loro trasmesso.

E’ il risultato delle due recite messe in scena in questi giorni al Teatro dell’Aquila di Fermo del musical “La Bestia nel Cuore”, nell’ambito di un progetto contro le dipendenze promosso dall’Associazione G.O. Genitori Oggi, cui hanno assistito complessivamente 1.500 studenti di medie e superiori della città.


Il primo e sentito ringraziamento la Presidente dell’Associazione Anita Mancini lo ha voluto rivolgere all’Amministrazione Comunale di Fermo, al Sindaco Paolo Calcinaro e agli assessori Micol Lanzidei e Mauro Torresi per aver creduto nel progetto, nelle sue finalità e nei suoi obiettivi, tanto che lo spettacolo ha avuto quale degna cornice il teatro della Città. Quindi al Prefetto Vincenza Filippi che ha assistito a questo spettacolo, fra gli ultimi impegni prima della fine dell’incarico, concedendo il patrocinio per la valenza educativa dell’iniziativa.


Venti giovani attori hanno rappresentato una fiaba in chiave moderna, ispirata al libro "Salvato da un maledetto destino" di Roberto Anteghini, presente allo spettacolo, scritta e diretta da Carla Rossetti per raccontare le vicende di un ragazzo di buona famiglia che anziché lottare per il suo sogno sceglie di rifugiarsi nell'eroina, rappresentata da un'avvenente e irresistibile ballerina. Saranno l'amore per una ragazza, un percorso in una comunità di recupero e la voce della coscienza del suo migliore amico, interpretata da Michele Massa, 18enne campione nazionale di scherma, a portare il protagonista verso la rinascita.


Un successo, replicato dal 2018, che nelle 22 repliche del periodo 2018/2019 aveva raggiunto oltre 3.500 ragazzi in vari teatri di Marche e Abruzzo, e nei giorni scorsi grazie alla piena collaborazione fra istituzioni, come si diceva, altri 1500 giovani.


A congratularsi sul palco ed a sottolineare la validità di iniziative di sensibilizzazione come questa verso i giovani e verso gli adulti anche il Questore Rosa Romano, l’Arcivescovo Rocco Pennacchio, l’on. Mauro Lucentini che la Presidente Anita Mancini ha “ringraziato per la sensibilità dimostrata verso questo progetto”, il Presidente della Fondazione Carifermo Girotti Pucci, la Dirigente Settore Cultura della Regione Marche Daniela Tisi, il Presidente della Provincia di Fermo Michele Ortenzi. Presenti anche le Dirigenti scolastiche delle scuole presenti, le autorità militari, il direttore Area Vasta 4 Roberto Grinta, Steat e Trasfer con i Presidenti Remigio Ceroni e Adolfo Virgili , il Sindaco di Monterinaldo Giammario Borroni, Sindaco e Vicesindaco di Montegranaro Endrio Ubaldi e Monia Marinozzi, gli imprenditori Enrico Biondi e Rodolfo Zengarini.
Le musiche sono state eseguite dal vivo dagli studenti del Conservatorio di Fermo, presenti anche il Direttore Nicola Verzina Nicola ed il Vicedirettore Sergio Mascarà.

La Presidente Mancini ha voluto sottolineare che “in questo sogno diventato realtà, non è mancato un gesto di grande sensibilità e attenzione verso i giovani; infatti una famiglia del Fermano ha voluto regalare ai ragazzi del cast, alle autorità e ai loro ospiti l'emozione di pranzare nel piano nobile di uno dei Palazzi più belli delle Marche”.

“Non possiamo lottare contro la droga - ha concluso la Presidente Anita Mancini – ma possiamo far riscoprire ai giovani la bellezza, possiamo creare interessi e spazi positivi dove possano esprimere il loro talento e scoprire, attraverso l'arte delle emozioni, che la vita può essere più stupefacente di qualsiasi droga”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-10-2022 alle 14:37 sul giornale del 05 ottobre 2022 - 168 letture

In questo articolo si parla di cultura, fermo, Comune di Fermo, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dtBp