Sant’Elpidio a Mare: Andrea Bosca porta al Cicconi il “Paco” di Beppe Fenoglio

2' di lettura 03/10/2022 - Il reading dell’attore Andrea Bosca, che porta in scena “Il mio amore è Paco” di Beppe Fenoglio, chiude la IV edizione di Libri a 180°.

Una scenografia scarna ed essenziale, con tre sedie disposte ai lati e al centro del palco, accanto a ognuna delle quali è posizionato un leggio, e uno sfondo nero. Un unico protagonista, l’attore Andrea Bosca, sola voce narrante che con leggiadria passa da un leggio all’altro per dar vita al racconto. È questa la scena del reading musicale “Ma il mio nome è Paco”, tratto dalla raccolta “Un giorno di fuoco” di Beppe Fenoglio. Uno spettacolo intenso, emozionante e al tempo stesso ironico che ha chiuso ieri sera la quarta edizione del Festival Libri a 180°, promosso dall’amministrazione comunale insieme ad AMAT, con la direzione artistica di Giulia Ciarapica.

Bosca porta in scena uno dei racconti che più ama del suo conterraneo Beppe Fenoglio. “Ma il mio amore è Paco” affronta la drammaticità della vita con un tono ironico pieno di umanità. È il racconto di una famiglia di umili origini che vive nelle Langhe e si trova a fare i conti con le difficoltà della vita quotidiana, tra povertà, amori e questioni famigliari. E poi c’è Paco, lo “zio” attraverso cui il bambino, narratore della storia, impara a relazionarsi con il mondo, scoprendone vizi e virtù. Paco è un mercante di successo, con la passione delle donne e quella per il gioco d’azzardo, un vizio, quest’ultimo, che lo fa finire sul lastrico trascinando nella rovina anche l’amico di una vita, Maggiorino. Bosca rende teatrale il racconto di Fenoglio attraverso l’uso sapiente di colonne sonore moderne, che a suo avviso si legano perfettamente alla vicenda. La lettura è così accompagnata dalle musiche di Morricone, che richiamano l’atmosfera del saloon western, ma anche dalle sigle di note serie tv attuali come “Breaking Bad”, “per ricreare i miti musicali dei ragazzi degli anni ’60 e di quelli di oggi”, come spiega lo stesso Bosca. E il connubio tra reading e musica si rivela un match vincente, che arricchisce lo spettacolo di una certa leggerezza e vivacità, accentuando il ritmo già reso dinamico dalla lettura appassionata di Bosca.

Presente in sala, in occasione dello spettacolo di Bosca, anche il sindaco Alessio Pignotti, che ha aperto la serata ringraziando in primis Giulia Ciarapica per l’eccellente lavoro svolto in qualità di direttrice artistica del Festival, ma anche l’AMAT e tutti coloro che hanno contribuito alla manifestazione. L'appuntamento è ora al prossimo anno, per la quinta edizione di una manifestazione culturale che sembra ormai entrata di diritto nella programmazione elpidiense.







Questo è un articolo pubblicato il 03-10-2022 alle 16:06 sul giornale del 04 ottobre 2022 - 82 letture

In questo articolo si parla di cronaca, teatro, spettacoli, amat, Sant'Elpidio a Mare, teatro Cicconi, notizie, reading, beppe fenoglio, articolo, andrea bosca, giulia ciarapica, Roberta Ripa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dtlC