Anmil Fermo, Luciani: "La politica rimetta la sicurezza sul lavoro tra le priorità"

1' di lettura 20/09/2022 -

“Abbiamo letto con attenzione e tristemente constatato che nei punti programmatici dei partiti che concorrono alla competizione elettorale del 25 settembre, sulla sicurezza sul lavoro non c’è quasi nulla.

Oltre ai soliti proclami, peraltro nemmeno rispondenti all’urgenza del momento considerati i disastrosi dati sul trend del 2022, nessuno sembra aver preso seriamente a cuore il tema della Sicurezza sul lavoro e delle malattie professionali.

Un po’ ce lo aspettavamo, un po’ no. Ce lo aspettavamo perché il tema non ha mai avuto un appeal propagandistico.

Un po’ no, perché dopo i grandi proclami, a proposito dell’Agenda Draghi credevamo che, proprio in virtù dell’impegno del Governo Draghi, dovesse prendere corpo un approccio teso ad ottenere risultati.

Oggi è di quello che abbiamo bisogno.

I dati Inail sul trend nel 2022 parlano chiaro. C’è poco da interpretare. Rischiamo di vedere incrementate di quasi il 50% le denunce di infortunio e i decessi sul lavoro.

Presentarsi in Europa alla vigilia della formulazione di importanti documenti non crediamo sia un bene per il Paese.

Con l’occasione ribadiamo che, alla ripresa dell’attività parlamentare e dell’operatività di Palazzo Chigi, gli infortuni e le morti sul lavoro diventino oggetto di un’azione specifica, decisa e realmente efficace. E noi vogliamo farne parte".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-09-2022 alle 13:33 sul giornale del 21 settembre 2022 - 232 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dqVy





logoEV