Amandola-Monte S. Martino: dal Lago di San Ruffino al Parco dei Cervi, con Filofest una camminata speciale

5' di lettura 26/08/2022 - Domenica 28 agosto, ore 18.30, ritrovo a San Ruffino, poi partenza verso Parco dei Cervi. Intesa vincente tra i Sindaci Marinangeli e Pompei per l’ultimo appuntamento del Filofest 2022. Presidente Wega Domenico Baratto: “Sarà un evento speciale, che da 12 anni accompagna la nostra rassegna filosofica. Attraverso una camminata ricca di spunti filosofici, tratteremo temi profondi. In chiusura lo spettacolo della pianista Olivia Belli”. Pompei: “San Ruffino luogo ideale per queste iniziative. Il Lago è il collante tra i Paesi montani”. Marinangeli: “Il futuro delle nostre terre passa dal rilancio di questi luoghi. Il Lago di San Ruffino sarà l’hub turistico per i Comuni della zona”.

Un’edizione ricca di successi non poteva che concludersi con un appuntamento speciale. Stiamo parlando della kermesse culturale “Filofest”, che, durante tutta l’estate, con eventi itineranti, ha riempito le Piazze dell’intero territorio provinciale. Tra Monte Urano, Servigliano, Amandola, Falerone e Monte San Martino, la rassegna filosofica, creta dall’Associazione Wega, ha fatto registrare sold out e “pienoni” durante ogni serata.

“Direi che il bilancio di questa edizione è più che positivo – esordisce Domenico Baratto Presidente di Wega – ringrazio tutti i miei collaboratori che, con impegno e dedizione, hanno seguito da vicino l’organizzazione dell’intero Festival. Per noi, dopo la pandemia, questa era un’edizione delicata. Era l’anno della ripartenza e non è stato facile far ripartire la macchina, ma debbo dire che ci siamo riusciti alla grande. Voglio ringraziare anche tutti i Comuni coinvolti per la grande disponibilità e la Regione Marche, CNA di Fermo, le Fondazioni Carisap e Carifermo e la Libreria Rinascita per il loro sostegno”.

Un’edizione coi fiocchi quindi? “Si, esatto. Abbiamo dato vita a delle serate di grande successo. Vedere Piazza gremite e così tante persone riunite, mi ha emozionato. Per dare qualche numero, basti pensare che nella serata di domani a Falerone, che purtroppo è stata rinviata per maltempo, abbiamo avuto oltre 180 prenotazioni. Un vero successo. Anche domenica, per la camminata filosofica, ci aspettiamo presenze importanti”.

Un evento finale davvero significativo, che chiude un’edizione speciale: “Quello di domenica è un appuntamento al quale teniamo molto. La Camminata filosofica ha sempre accompagnato il Festival fin dal 2011, quando tutto è iniziato. 11 anni fa la nostra idea era proprio quella di creare un festival che aiutasse a parlare di vita attraverso la filosofia, il tutto camminano proprio come i ‘peripatetici’, gli antichi filosofi greci”.

Un appuntamento speciale dove filosofia e natura si incontrano: “Immersi in un paesaggio unico, i partecipanti godranno di un panorama mozzafiato e potranno toccare con mano la bellezza della natura. Il ritrovo è previsto per domenica alle ore 18.30, presso il Lago di San Ruffino, fulcro del nostro Festival. A condurre la camminata ci saranno il Filosofo Sergio Labate e il Direttore didattico di Wega Filippo Sabatini, entrambi lanceranno tematiche filosofiche durante il tragitto, stimolando il pubblico con interrogativi profondi e particolari – spiega Baratto - attraverso una camminata di circa 1 km, ci recheremo nel suggestivo Parco dei Cervi, dove al tramonto ci sarà il concerto di Olivia Belli, pianista internazionale ormai da anni innamorata di questi luoghi. In chiusura, ai presenti verrà offerto un aperitivo dall’azienda Fontegranne”.

Insomma, un evento alquanto peculiare, che riesce a conciliare alla perfezione cultura, arte, natura ed enogastronimia. Dal Lago di San Ruffino al Parco dei Cervi, sono stati coinvolti nell’organizzazione anche i Comuni di Monte San Martino e Amandola: “Il nostro territorio si sposa alla perfazione con questo genere di iniziative – esordisce il Sindaco Pompei di Monte San Martino – sia Amandola che il mio Comune, hanno come caratteristica l’ospitare eventi di qualità e siamo orgogliosi di far parte di questa rete. Iniziare la Camminata filosofica dal Lago di San Ruffino, vuol dire molto. Si tratta di un luogo cardine per il turismo delle nostre terre e merita il giusto rilievo”.

Fa da eco il Sindaco di Amandola Adolfo Marinangeli, che aggiunge: “Per il Filofest, Amandola è stata sempre presente ed anche quest’anno ha saputo ospitare eventi di successo. Dal Lago dorato al Parco dei Cervi, si può ammirare un paesaggio davvero unico, che è necessario promuovere e far conoscere anche attraverso iniziative come quella di Wega – sottolinea Marinangeli – a tal proposito, Amandola, con Rotella e Montedinove, grazie ai fondi Pnrr, creerà un percorso turistico, enogastronomico ed escursionistico con lo scopo di promuovere questo territorio. Allo stesso tempo, insieme a Monte San Martino, Smerillo e Santa Vittoria, stiamo lavorando affinchè il Lago di San Ruffino diventi l’hub turistico per eccellenza della zona montana. Abbiamo in progetto di riqualificare i percorsi adiacenti al Lago, oltre ad un sistema di promozione mirata – conlcude il Sindaco - Per questi progetti, come per il Filofest, decisiva è la collaborazione tra Comuni ed Associazioni, perché non si cresce mai da soli, ma sempre insieme”.

Dello stesso avviso il Presidente Baratto: “Per la prossima edizione, l’obbiettivo è proprio quello di fare rete e magari creare una kermesse forte e condivisa che coinvolga altre Associazioni del territorio”.








Questo è un articolo pubblicato il 26-08-2022 alle 13:16 sul giornale del 27 agosto 2022 - 790 letture

In questo articolo si parla di cultura, enogastronomia, filosofia, amandola, monti sibillini, monte san martino, lago, kermesse, camminata, wega formazione, wega, filosofi, filofest, articolo, passeggiata culturale, San Ruffino, alto fermano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dmvC





logoEV
logoEV
logoEV