x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Scoperta del sito archeologico al Girfalco di Fermo

2' di lettura
308

di Redazione Vivere Fermo

fermo@vivere.it


Con la scoperta di questi giorni dei reperti archeologici al Girfalco di Fermo, vi porto a conoscenza di questa incredibile storia.

Con la scoperta di questi giorni dei reperti archeologici al Girfalco di Fermo, vi porto a conoscenza di questa incredibile storia. Dobbiamo risalire ad un Convegno internazionale “I POTERI DELLA MENTE” che tenemmo al Centro Congressi hotel Royal di Casabianca di Fermo, il 18-20 febbraio 1994 con la nostra Associazione, da poco costituita Marca Firmana, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Fermo, ricordando a tal proposito che l’ Assessore era il prof. Enzo Catani.

Fra gli oltre venti importanti relatori di fama internazionale era presente anche Umberto Di Grazia, sensitivo di fama mondiale, riconosciuto come lo fu la nostra Pasqualina Pezzola dal mondo scientifico per le loro facoltà medianiche. Umberto Di Grazia è famoso per i ritrovamenti archeologici fatti in tanti anni, non ultimo quello del Castello di Ruspoli di Vignanello, che custodiva un orribile segreto. Nel fango del sotterraneo giacevano decine di bambini sacrificati forse per riti esoterici, avendo così, la drammatica conferma che quando aveva visto in sogno si era effettivamente verificato, circa IV secoli or sono.

Approfittammo, io insieme ad altri amici ed il Prof. Catani di quel convegno, per portare Umberto Di Grazia proprio al Girfalco dove all’epoca erano in atto degli scavi per la manutenzione di una condotta e il Prof Catani su indicazione di Umberto Di Grazia, successivamente approfitto per fare dei sondaggi, visto che Di Grazia aveva percepito in quel sito tracce di civiltà millenaria. Gli scavi avvennero in senso trasversale per una parte consistente del parco all’incirca 10 metri prima, facendo riferimento alla linea immaginaria dell’ingresso principale del Duomo. Purtroppo non diedero nessun esito, anche se Di Grazia insisteva sulla sua tesi Il ritrovamento di questi giorni dietro l’abside del Duomo, di fatto poco distante dove avvenne lo scavo precedente è la conferma che a distanza di anni, Umberto di Grazia aveva ragione d’insistere perché, aveva percepito tracce di culture millenarie. Infatti, i manufatti ritrovati sembrano che risalgono alla fase 3 della media età del bronzo ed in parte al neolitico IV secolo A.C.

Chiaramente, abbiamo subito comunicato la scoperta allo stesso Di Grazia che ora può aggiungere un altro sito archeologico alle sue scoperte. Ora non resta che vedere nel tempo se anche la collinetta al centro di Porto Sant’Elpidio, dove sopra c’è un piccolo parcheggio e di fianco il Monumento dei Caduti, si troveranno tracce di civiltà. Sempre nel febbraio del 1994, in una perlustrazione insieme al sottoscritto, sempre Umberto di Grazia segnalò anche questo sito.

- Pasquale De Angelis


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-08-2022 alle 16:00 sul giornale del 20 agosto 2022 - 308 letture


Redazione VivereFermo




qrcode